Report

E’ Partito il Caparica Primavera Surfest

E’ ufficialmente iniziato il Caparica Primavera Surfest con il primo giorno oggi di competizioni internazionali. Quasi 30 gli atleti italiani impegnati tra Junior, Open e Longboard maschile e femminile.

Era appena terminato il Pro Junior a Espinho che i nostri atleti impegnati nell’evento si sono diretti in Costa da Caparica per l’inizio del Primavera Surfest, evento surf-musicale che ospita una notevole quantità di competizioni in diverse discipline, dal surf al kite al bodyboard, passando per il windsurf.

Per quello che riguarda noi surfisti, 360 atleti Wsl si sono ritrovati a Praia do Paraiso, dove oggi nei due campi gara designati, approfittando dell’inizio di una swell in arrivo, su onde di circa un metro pulite dal vento off shore, si sono disputati i primi round dei QS maschili Open e Junior, impegnando i nostri atleti in una maratona di heat che li hanno visti disputare anche fino a 4 batterie nell’arco della lunga giornata.

Il primo a mettere piede in acqua è stato Roberto D’Amico, tornato a surfare da poco più di un mese dopo un infortunio che lo ha tenuto fermo per tre mesi. D’Amico ha passato la sua heat del primo round accedendo al secondo. Nella sua stessa heat anche Matteo Calatri che è rimasto però in quarta posizione e non passa il turno.

Poco dopo, Calatri è rientrato in acqua per disputare anche la sua heat nel Round 1 del Pro Junior. Questa volta però l’esito è stato diverso, guadagnando il secondo posto e garantendosi il passaggio al secondo round. Ma non era ancora finita, il giovane talento sardo è poi rientrato nuovamente in acqua per disputare la heat 10 del round 2, la sua terza della giornata, purtroppo però questa volta i tre avversari, due portoghesi e un francese, l’hanno messo all’angolo lasciandolo al quarto posto.

 

Edoardo Papa è ancora in gara sia nello Junior sia nell’Open. Foto Masurel

 

 

Anche Manolo Pochiero,  nell’Open Pro non è riuscito a risalire dalla quarta posizione in cui si trovava ed è uscito di gara. Stessa sorte per Paco Peruzzo che ha dovuto pagare anche un’interferenza, mentre Edoardo Papa, arrivato direttamente da Espinho, nella heat 7 ha mantenuto saldo il secondo posto ed è andato al secondo round.

Tornando allo Junior, dopo Calatri è stato il turno di Valerio Funari che ha gestito molto bene la sua heat 13 chiudendo al primo posto e avanzando al round. Non è andata bene invece a Giulio Caruso e Mauro Pacitto nella heat successiva, entrambi relegati al terzo e quarto posto.

Mattia Migliorini è partito direttamente dal secondo round del Pro Junior ed è riuscito a recuperare la heat negli ultimi minuti guadagnandosi il secondo posto e l’accesso al terzo round.

Le competizioni sono proseguite spedite e anche Valerio Funari ed Edoardo Papa hanno dovuto fare la doppietta nel Pro Junior, rientrando in acqua verso la fine del secondo round per le rispettive heat 13 e 14. Per Funari non c’è stato niente da fare purtroppo, mentre Papa stacca gli avversari e passa la heat al primo posto con due belle onde sopra la media.

Terminato il secondo round Junior, tornano in acqua gli Open per completare la lunga maratona della  giornata ed è di nuovo il turno di Roberto D’Amico, che dopo aver atteso inaugurato la giornata ha anche l’onore di essere l’ultimo degli italiani e nonostante la stanchezza per l’attesa passa la sua heat insieme a Justin Becret approdando al terzo round.

Come prima giornata non c’è male, appuntamento a domani.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
10 ⁄ 1 =


INSTAGRAM @SURFCORNER #SURFCORNER