Breaking NewsFocus on

Lockdown Countdown: Surf consentito dal 4 maggio

A partire dal 4 maggio con l’inizio della fase 2 cesserà il lockdown per le attività sportive individuali incluso il surf, finalmente si potrà tornare in mare, ma…

Eh si, c’è un ma.

Il nuovo DPCM 26 Aprile 2020 apre infatti alle attività sportive individuali e quindi, in linea di principio, anche alla possibilità a livello nazionale di tornare a fare surf.

L’art.1 lettera f recita così:

f) non è consentito svolgere attività ludica o ricreativa all’aperto; è consentito svolgere individualmente, ovvero con accompagnatore per i minori o le persone non completamente autosufficienti, attività sportiva o attività motoria, purché comunque nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno due metri per l’attività sportiva e di almeno un metro per ogni altra attività;

Dal 4 maggio infatti le attività motorie e sportive individuali potranno essere svolte anche lontano da casa e non più solo in prossimità della propria abitazione, pertanto il surf è ammesso, salvo però che non sia vietato l’accesso agli arenili o al mare dalle ordinanze locali, che di fatto impedirebbero di passare all’atto pratico.

Tutto dipenderà quindi dalle ordinanze regionali e dei sindaci, che potranno disporre la temporanea chiusura di specifiche aree in cui non sia possibile assicurare altrimenti il rispetto delle norme di contenimento. Esattamente come avviene attualmente per le spiagge, e, per effetto delle ordinanze di gran parte delle capitanerie di porto, che vietano l’accesso al mare dei natanti.

Riguardo le attività sportive il discorso del premier Conte si articola in due parti.

La prima parte, dal minuto 17:40 del video qui sotto, in cui si parla delle attività motorie e sportive in generale, quindi amatoriali, nella quale rientra il surf praticato da tutti noi comuni mortali.

“Sin qui era possibile svolgere attività motoria e sportiva solo nei pressi della propria abitazione,” dice Conte, “invece ora ci si potrà allontanare anche, ma per l’attività sportiva, che è quella più dinamica, rispettando la distanza di due metri l’uno dall’altro, mentre se si tratta di semplice attività motoria sarà sufficiente un metro.”

Se vogliamo trovare il pelo nell’uovo, a seconda di come sarà classificato il surf, se attività motoria o sportiva, sarà quindi sufficiente mantenere una delle due distanze prescritte.

Lo scoglio più grosso saranno invece, come accennato, le ordinanze locali dei sindaci o delle regioni, ad esse sarà infatti demandata l’ultima parola, in particolare per quanto riguarda l’apertura e l’accesso alle spiagge o al mare.

Ciò è confermato anche dalle disposizioni finali del decreto, che all’art.10 comma 2 ribadisce che:

“Si continuano ad applicare le misure di contenimento più restrittive adottate dalle Regioni, anche d’intesa con il Ministro della salute, relativamente a specifiche aree del territorio regionale.”

Occhi puntati quindi sulle ordinanze locali in uscita nei prossimi giorni.

L’altro ostacolo sarà inoltre il divieto di spostamenti tra regioni, che costituirà un grosso limite per chi abita lontano dal mare e in regioni interne.

La seconda parte del discorso di Conte si sofferma poi sulle attività sportive di allenamento, con specifico riferimento a quelle svolte da atleti professionisti e non, e prosegue con queste parole:

“Per consentire una graduale ripresa delle attività sportive, nel rispetto dell’esigenza di tutelare prioritariamente la salute, saranno consentite dal 4 maggio le sessioni di allenamento degli atleti professionisti e non professionisti ma riconosciuti di interesse nazionale dal CONI e dalle rispettive federazioni, però attenzione, saranno sempre consentiti questi allenamenti nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento, a porte chiuse, per gli atleti di discipline sportive individuali.”

Vi terremo aggiornati non appena ci saranno sviluppi.

Cover foto di Tommaso Pardini

Qui di seguito ricordiamo quelle che sono le misure igienico-sanitarie da osservare sempre:

a) lavarsi spesso le mani;

b) evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute;

c) evitare abbracci e strette di mano;

d) mantenere, nei contatti sociali, una distanza interpersonale di almeno un metro;

e) praticare l’igiene respiratoria (starnutire e/o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie);

f) evitare l’uso promiscuo di bottiglie e bicchieri, in particolare durante l’attività sportiva;

g) non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani;

h) coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce;

i) non prendere farmaci antivirali e antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico;

l) pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol;

m) è fortemente raccomandato in tutti i contatti sociali, utilizzare una mascherina, anche di stoffa, come misura aggiuntiva alle altre misure di protezione individuale igienico-sanitarie.

 

 

18 thoughts on “Lockdown Countdown: Surf consentito dal 4 maggio

  1. Fi.Bra Reply

    Purtroppo credo che non si potrà tornare in mare. Gli spostamenti in macchina rimangono limitati ai motivi indispensabili.. Si crea così una spiacevole contraddizione: il ciclista con la bdc che parte da casa si può fare il suo bel giro di 130km (se c’è la fa..) chi magari come me si deve fare 10km in macchina per raggiungere lo spot è fuorilegge. È stato infatti confermato che il bagno al mare lo farà solo chi vive sul mare.. Senza contare poi le eventuali chiusure degli arenili

  2. AldoBSS Reply

    Purtroppo è abbastanza chiaro, l’art.1 lettera f recita così: “non è consentito svolgere attività ludica o ricreativa all’aperto…”, ammesso che si possa accedere all’arenile, chiunque ci fermi potrà valutare il surf un’attività ludica. Spero ovviamente di sbagliare.

    1. Massimo Reply

      Non credo proprio si possa definire attività ludica il surf considerando che è stata inclusa tra le discipline olimpiche.

  3. sullorlodeldelirio Reply

    Nel cestino delle “necessità”, prima del 9 marzo, c’era anche lo sport. Non c’è mai stato scritto in nessun DPCM nè in nessuna autocertificazione “motivazioni sportive” tra quelle relative agli spostamenti. Io immagino che la situazione sia tornata quella lì.

  4. Giuse Reply

    Concordo nel non alimentare false speranze, in quanto tutti i litorali rimarranno chiusi in quanto non necessari per svolgere le attività motorie citate. Sarà consentita la pesca solo lungo moli o banchine, e con questo tutte le attività come surf, SUP, windsurf e kite non sono autorizzati.

  5. Andrea Reply

    credo vi stiate illudendo, nel senso: ti fermano in auto e ti chiedono “dove va?”
    A fare surf…
    MULTA
    L’attività sportiva è intesa nella propria città, non che prendi l’auto e fai 100km (pur nella tua regione) per andare a fare la corsetta, o il surf o a sciare….
    Si salverebbero solo coloro che abitano in città di mare.
    Ben felice se mi sbaglio

  6. Foggia Reply

    Mah non sembra nemmeno nella propria regione dato che, anche per gli spostamenti all’interno della regione di residenza, servirà autocertificare comprovate necessità analogamente a quanto serve fare attualmente per gli spostamenti all’interno del proprio comune di residenza. O mi confondo? Ciao!

    1. Redazione Post author Reply

      Come scritto nell’articolo bisognerà vedere le specifiche delle ordinanze che speriamo si allineino con il dpcm per rendere possibile il surf

  7. Paolo Parea Reply

    Purtroppo allo stato attuale la possibilità di svolgere attività motorie e sportive individuali anche non più in prossimità della propria abitazione, nel rispetto delle distanze e divieti di assembramento, collide con la prima direttiva del divieto di spostamenti su mezzi privati a meno di motivi permessi in cui non compaiono quelli sportivi (lettera A del DPCM). Quindi l’ostacolo alla ripresa di surf e windsurf non saranno solo il più o meno cambiamento delle disposizioni attuali sull’accesso al mare ma anche le disposizioni contrarie già contenute nel DPCM

  8. massimo Reply

    Buongiorno
    Se non abito al mare e mi serve l autocertificazione per spostarmi con motivazioni idonee all ordinanza,cosa scrivo? Ragioni di salute oppure ricongiungimenti famigliare a Poseidone e Nettuno?

  9. FaBio Reply

    Perché alimentare false speranze? È vero he che le attività sportive individuali son consentite ma sussiste il vincolo di spostamento tra comuni se non per comprovate necessità o esigenze.
    Purtroppo credo che NON si potrà far surf a meno che non si ha la residenza nello stesso comune dello spot

    1. Redazione Post author Reply

      Non alimentiamo false speranze, riportiamo semplicemente quanto scritto sul dpcm, che dal 4 maggio sblocca le attività sportive individuali. Il surf è tale, e se anche sarà poi permesso dalle varie ordinanze purtroppo non è detto che tutti lo possano fare, visto i vincoli di altra natura esistenti (spostamenti tra regioni e/o eventualmente comuni ecc.. tutte cose da chiarire).
      Nell’articolo non c’è scritto “TUTTI IN MARE”, sarebbe bello ma pare non sarà così in questa fase.

  10. Massimo Guerra Reply

    Buongiorno
    Se non abito al mare e mi serve l autocertificazione per spostarmi con motivazioni idonee all ordinanza,cosa scrivo? Ragioni di salute oppure ricongiungimenti famigliare a Poseidone e Nettuno?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

INSTAGRAM @SURFCORNER #SURFCORNER