Articoli

108ft: Anatomia di un Record

Benjamin Sanchis ha surfato o no l’onda più grossa mai surfata?

Lo scorso 11 dicembre, durante l’enorme mareggiata a Nazarè, le cui immagini hanno ampiamente fatto il giro del mondo, Benjamin Sanchis ha surfato un’onda la cui altezza è stata stimata intorno ai 108 piedi. Mentre alcune testate non-surf hanno già urlato al record del mondo, in realtà il mondo del surf e soprattutto la massima autorità che sancisce i record, Guinness World Record, ci va coi piedi di piombo e non ha ancora deliberato in merito.

 

sancho
Benjamin Sanchis sull’onda stimata 108 piedi (33 metri)

garret
Garrett MacNamara, attuale detentore del record, sull’onda stimata 78 piedi (24 metri)

 

 

L’attuale detentore del record per l’onda più grossa mai surfata è Garrett MacNamara per l’onda surfata nel 2012, e se l’onda di Sancho fosse confermata, non solo supererebbe il record di G-Mac ma infrangerebbe anche il muro dei 100 piedi, se la misura dell’onda venisse confermata nei 108 piedi.

Se guardiamo le due immagini raffigurate qui sopra, che riproducono l’onda surfata da Sanchis e quella da record di MacNamara, appare subito visibile a occhio nudo che l’onda di Sanchis è ben più grossa di quella per la quale G-Mac detiene tutt’ora il record del mondo.

Tuttavia la strada per il riconoscimento del record è ancora lunga e ci sono diverse variabili che entrano in gioco quando si tratta di confermare ufficialmente un record del mondo. Il problema principale che riguarda l’onda di Sanchis è dato dal fatto che Sancho a un certo punto della sezione cade, il che potrebbe far parlare di un semplice “tentativo” di surfata dell’onda più grossa anzichè di una surfata completa. La questione è delicata.

Il Guinness World Record, prima di sancire un record, si affida a specialisti di settore ai quali delega la valutazione dei singoli casi. In questo caso gli specialisti sono i giudici che stanno dietro gli XXL Big Wave Awards, l’organo più rappresentativo al momento, e in particolare proprio il direttore dell’evento Bill Sharp ha dichiarato che una delle regole su cui si basano normalmente per decidere di assegnare o meno un premio, è quella seconda cui il surfista deve aver surfato con successo una porzione significativa dell’onda e ha aggiunto che “se Sanchis avesse fatto in modo di stare in piedi ancora un pò di secondi, uscendo dalla sezione su cui è caduto, sarebbe stata senza dubbio una surfata di successo.”

A meno che quindi non si voglia istituire un premio per  l’onda più grossa mai tentata, o non si voglia premiare il tentativo allo stesso modo di una surfata di successo, i dubbi per ora rimangono e sono destinati a rimanere, secondo quanto dichiarato da Bill Sharp, fino alla conclusione degli XXL Big Wave Awards di quest’anno, durante i quali sarà probabilmente svelata anche la decisione di assegnare o meno il record a Sanchis.

Quello che è certo al momento in cui scriviamo è che Benjamin Sanchis è partito su una delle onde più grosse mai surfate e a lui, come a G-Mac, va il merito di spingere i limiti del big wave surfing sempre più avanti. Per sapere se abbia conquistato il record del mondo e infranto il muro dei 100 piedi, dovremo aspettare almeno fino a fine marzo, quando le nomination degli XXL saranno annunciate ufficialmente, ma più probabilmente fino all’1 maggio, quando avrà luogo la cerimonia ufficiale dei Big Wave Awards.

 

Nel video qui sotto, l’onda di 78 piedi surfata da Garret MacNamara nel 2012 e portata a termine con successo, per la quale è attuale detentore del record dell’onda più grossa mai surfata.

 

Nei video qui sotto, l’onda di Benjamin Sanchis e il suo racconto dell’11 dicembre scorso

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

INSTAGRAM @SURFCORNER #SURFCORNER