Articoli

Fiji Calling…

Sta per iniziare il Fiji Pro ma le prospettive di swell non sono rosee, diamo uno sguardo a cosa ci aspetta.

A cura di Lorenzo Castagna

10329680_10154187502415716_8008371141658685687_o
Ieri era meglio…. Shane Dorian in freesurf dopo il Women’s Pro di qualche giorno fa. Foto ASP

Il waiting period del Fiji Pro sta per iniziare per proseguire fino al 13 giugno ma per i primi giorni del waiting periodo sono previste solo condizioni di onda piccola e inconsistente, che fanno crollare tutte le aspettative accumulate negli ultimi giorni, soprattutto dopo l’impulso del Women’s Pro e del post gara e i ricordi delle epiche condizioni degli anni passati.

Ne approfittiamo per come sempre per fare qualche pronostico ( a proposito, scusate l’assenza della consueta rubrica in occasione del Rio Pro, ma ma quando ci sono tre swell di seguito si può immaginare come va a finire…)

slater intoccabile
Slater è stato intoccabile l’anno scorso, con un perfect 20 e svariati punteggi altissimi. Foto ASP

Ripartendo dal “dopo Rio”, come era stato preannunciato dal nuovo management ASP, il campionato si sta facendo sempre più emozionante e ricco di colpi di scena. Nella scorsa tappa abbiamo visto la consacrazione di Michel Bourez a contender, nessuno all’inizio ci avrebbe scommesso un centesimo ma la sua potenza ed il surf rail to rail gli stanno dando ragione mettendolo in luce come vero dark horse.

Ottimo risultato anche di Kolohe Andino che finalmente riesce a sbloccare la sua situazione di stallo che durava ormai da troppo tempo. King Slater e’ tornato in testa alla classifica e visto quel che ha combinato lo scorso anno sulle sinistre di Cloudbreak bisognerà allacciarsi al divano!

florence2perfect10
L’anno scorso John John ha preso due perfect 10 nel corso dell’evento, provando di essere uno di quelli da battere. Foto ASP

Difficile fare dei pronostici per questa gara visto che anche solo un bel tubo può cambiare tutto da un secondo all’’altro… sicuramente sarà un contest pieno di emozioni, possiamo però cercare di stilare una lista di favoriti che nei barrel di solito si trovano a proprio agio.

Regular footers

Slater le sue imprese su quest’onda negli anni non lasciano dubbi sul fatto che lui è il primo della lista, Bourez dotato di un back side Barrel sviluppato a Tahiti sicuramente darà del filo da torcere a tutti. Florence, considerato come uno dei migliori rider nel tubo, avrà sicuramente voglia di mettersi in mostra. Sebastian Zietz  non nuovo a buoni risultati, essendo cresciuto a Pipeline, potrebbe far bene in questa prova. Jeremy Flores ex Pipeline Champion… chi meglio di lui da inserire in una lista dei favoriti?

fiji2012
Fiji 2012. Bei ricordi…. foto ASP

Goofy footers

Medina ha già dimostrato di saperci fare nei Barrel e sicuramente ha gran voglia di riscossa dopo il passo falso in Brasile. Nat Young sta fornendo prestazioni elevate e gran rendimento, non avrà grossi problemi sulle sinistre. Adrian Buchan è un maestro nelle sezioni di tubo in front side, da Owen Wright sinceramente tutti ci aspettiamo un buon risultato e chissà che non avvenga proprio in questa competizione. Infine Kai Otton quando meno te lo aspetti fa scoppiare una bomba, potenza fisica e ottima tecnica potrebbero farlo andare avanti.

Colpi di tail ed exploit potrebbero venire fuori dai soliti Fanning, Parkinson, Hobgood, Logie e Patacchia.

Ci vediamo on line!

andy
Andy Irons, uno dei migliori di tutti i tempi a Cloudbreak. Foto ASP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

INSTAGRAM @SURFCORNER #SURFCORNER