Skin ADV
Eventi | 2 agosto 2012

Via al WP del Frozen Open 2012

Frozen Open, è partita l’attesa per le onde giganti. Al via la nona edizione della gara di surf alla Marinedda.

ISOLA ROSSA, 1 agosto 2012 – Il Frozen Open riparte da una certezza inossidabile: per la gara di surf più bella d’Italia, presentata da Monster Energy, si aspetteranno onde enormi, anzi, mostruose. Nessuna misura intermedia, né frangenti molli e poco ripidi, perché la secca di sabbia dove rompono i marosi della Marinedda, la spiaggia incastonata tra le rocce di Isola Rossa, nel nord Sardegna, raramente è stata così ordinata. Tanto che per domare i cavalloni imbizzarriti dal maestrale arriveranno surfisti da tutto il pianeta.

Ci sono gli habitué come i fratelli Francesco e Giovanni Palatella e Marco Urtis, atleti della Toscana esperti e a loro agio con misure oltre i due metri, e il veterano delle gare, il laziale Claudio Rallo. E poi dovrebbe arrivare anche Francisco Porcella, surfista sardo-hawaiano che l’anno scorso si è meritato un posto nell’olimpo del big wave riding partecipando al Billabong XXL – Global Big wave Awards, una speciale competizione dedicata agli amanti delle onde giganti. Il ventiseienne nato a New York ma cresciuto a Cagliari era entrato nella fase finale della gara per aver surfato un’onda di almeno 15 metri a Jaws, sempre alle Hawaii. Francisco, da buon specialista, durante il Frozen Open potrebbe anche prendere parte a una session di tow-in, cioè cavalcare le onde non con la sola forza delle braccia, ma con l’ausilio di una moto d’acqua.

Waiting period aperto, dunque, per la nona edizione del Frozen Open, organizzata con il supporto della Fisurf. Tra il primo e il 30 agosto lo staff del Nesos surf club attenderà la giusta perturbazione per chiamare la gara. In questo mese di tempo saranno monitorate le previsioni e lo status della competizione, come sempre in Italia, varierà con i colori rosso, giallo e verde. Cinquemila euro il montepremi in palio, che significa spettacolo assicurato perché nessun surfista, nelle precedenti edizioni, ha gettato la spugna facilmente. L’anno scorso e nel 2010 il primo posto se l’era guadagnato a suon di manovre spettacolari e una tattica di gara impeccabile il surfista franco-brasiliano Eric Rebiere. Soltanto lui e il brasiliano Alfo Scavone sono riusciti a vincere due anni consecutivi.

Lo spettacolo però non sarà soltanto in mare. Nella spiaggia gallurese la Reef organizzerà una grande festa con il supporto del dj-set offerto dal Nesos surf club, mentre durante la finale di gara volerà l’elicottero Vans con a bordo fotografi e cameraman. Nei prossimi giorni ci saranno ulteriori novità, anche riguardo al contest fotografico e nuove collaborazioni con le migliori aziende del Paese.


Lorenzo Castagna al Frozen 2011

Intanto le iscrizioni sono aperte: gli atleti interessati possono inviare una mail all’indirizzo info@marineddabay.com. Nel corpo del testo dovranno essere indicati nome, cognome, surf club di appartenenza, numero di tessera Fisurf e un recapito telefonico. Si ricorda che la gara è “open”, aperta a tutti coloro che sono in possesso della tessera Fisurf e del certificato medico agonistico. Per ulteriori informazioni si può telefonare a Giuseppe Romano al numero + 39 338 28 72 827. La quota di iscrizione è di 50 euro e potranno partecipare alla prestigiosa competizione 36 atleti. Una volta completata la lista si attingerà da quella delle riserve. In spiaggia ci sarà la possibilità di fare la tessera Fisurf compresa di assicurazione.

Il Frozen Open è presentato da Monster Energy e ha lo sponsor  di Frozen Clothing, Nesos, Motherfucker, Vans, Reef e Marinedda Bay surf camp. Ha il patrocinio della federazione di surf da onda Fisurf e del Comune di Trinità d’Agultu. L’organizzazione è affidata al Nesos surf Club di Giuseppe Romano, Marcello Chessa e Fabio Di Molfetta. Il sito ufficiale della manifestazione, con tutte le gallery fotografiche dei contest precedenti e gli aggiornamenti è www.marineddabay.com, per gli appassionati dei social network c’è il profilo facebook Frozen Open.

Prosegue intanto l’attesa per l’altra gara, il Nesos king of the grommets surf contest, dedicata agli under 13 e agli under 18. In questi giorni i ragazzini si sono radunati spesso al Nesos surf shop di Isola Rossa, ormai punto di ritrovo per gli amanti dello sport dei re hawaiani. Ieri, per esempio, una piccolissima perturbazione ha permesso di mandare in acqua diversi principianti, che si sono appoggiati alla scuola e al surf shop targati Nesos.

9° Frozen Open presented by Monster Energy

Spot: Marinedda Bay-Isola Rossa, Sardegna

Main sponsor: Monster Energy, Frozen Clothing, Motherfucker, Nesos

Patrocinio: Comune di Trinità D’Agultu, Fisurf

In collaborazione con: Vans, Marinedda bay surf camp, Reef

Staff organizzativo: Nesos Surf Club

Info: www.marineddabay.com

Giuseppe + 39 338 28 72 827 / Marcello +39 339 21 87 182

TAG: , ,

Commenti
Potrebbe interessarti anche...

Splitting Baguettes

Alessandro Piu sulla costa atlantica francese quest’estate non solo ha condiviso le …

Il Pane è Sacro: Phil Grace in Italia

La factory di Dr. Ank ospita una leggenda  dello shaping internazionale. Phil Grace shape…

Boscaglia Spodesta Pistidda a Li Junchi Longboard Fest

Boscaglia spodesta  Pistidda dal trono e vince Li Junchi Longboard Fest 2016. Marco Bosca…

Finisce l’avventura dei nostri Junior ai Mondiali ISA

Con l’eliminazione di Mattia Migliorini termina l’avventura ai Mondiali ISA dei nostri…

Mondiali ISA Vissla World Junior Championship 2016

Terminato il mondiale ISA alle Azzorre per il Team Italia con l’ultima heat disputat…

Patagonia Yulex Tour Pronto a Partire

Pronto a partire il tour italiano di Patagonia per presentare la nuova muta in gomma natur…

Tales from Puerto Escondido

Eugenio Barcelloni ci ha raccontato la sua prima esperienza nella Pipeline messicana.  Av…

Team O’Neill Wetsuits Italy 2017

Nel 2017 O’Neill Wetsuits Italia riconferma nel suo National Team ufficiale alcuni tra i…

Mondiali ISA: Team Italia ai Ripescaggi

Sono iniziati i ripescaggi ai mondiali Vissla ISA alle Azzorre. Giovanni Dell’Ovo pa…