ArticoliFocus onViaggi

Due Paradisi del Surf riaprono al turismo

Dopo le Maldive, anche Bali si prepara a riaprire i propri confini ai turisti provenienti da tutto il mondo.

Sebbene l’emergenza per la pandemia da Covid-19 in tutto il  mondo sembri ancora ben lontana dall’essere archiviata, con Paesi che ogni giorno contano migliaia di nuovi contagi, i governi stanno facendo il possibile per cercare di ripartire e permettere di vivere con una parvenza di normalità ma il livello di allerta rimane sempre alto.

Sono trascorsi solo due mesi dalla riapertura tra le regioni italiane, mentre già da un mese è possibile circolare in Europa e verso destinazioni surf a portata di mano come Francia, Spagna e Portogallo, che offrono frequenza di onde anche durante i mesi estivi e sono un rimedio prezioso contro la carestia estiva.

Una bella boccata d’ossigeno che distoglie dal ricordo del lockdown, ma piano piano si ricomincia a viaggiare anche in luoghi più lontani e verso location più paradisiache ed esotiche.

Dal 15 luglio è infatti possibile sbarcare di nuovo alle Maldive, che in questo momento è nel pieno picco di “surf season”, mentre da settembre sarà possibile tornare di nuovo a visitare Bali, pronta a riaprire i confini a tutti i turisti internazionali.

Ecco una veloce panoramica delle destinazioni surf dove è già possibile programmare un surf trip.

 

Marco Ranaldi, residente a Bali ormai da anni, alcuni giorni fa è stato tra i pochi fortunati a godersi una giornata d’altri tempi in uno spot altrimenti densamente affollato. Foto Federico Vanno

 

EUROPA

Dal 1 luglio è possibile viaggiare in molti paesi europei senza obbligo di sottoporsi a quarantena, tra cui Francia, Spagna, Portogallo e UK.

Chi ama le destinazioni alternative potrà anche andare in Islanda, che ha riaperto i confini da giugno e dove è previsto un test a pagamento all’arrivo.

 

CARAIBI

Sebbene ora non sia la stagione migliore per il surf, gran parte dei paesi caraibici hanno riaperto i confini ai turisti, prevedendo un test a pagamento a cui sottoporsi all’arrivo.

A Barbados e Guadalupe si può andare già dal 12 luglio, Bermuda e Aruba hanno dato l’ok ancora prima, dal 1 luglio e Jamaica addirittura da giugno.

 

 

A luglio, una delle più consistenti mareggiate dell’anno ha regalato una giornata incredibile a Padang Padang, ben documentata da Federico Vanno in questo video.

 

BALI

La pandemia da Covid ha dato un brutto colpo a un’isola come Bali che si sostiene principalmente sul turismo, con 6.3 milioni di turisti nel 2019 corrispondenti al 39% del turismo del paese, pertanto per far ripartire l’economia dell’isola occorre riaprire prima possibile i confini ai turisti.

Secondo quanto dichiarato dal Governatore di Bali I Wayan Koster, dal 31 luglio Bali riaprirà al turismo locale, mentre dall’ 11 settembre saranno riaperti i confini al turismo internazionale senza distinzioni.

Occorrerà dimostrare di essere negativi al Covid-19 prima di mettersi in viaggio, per questo bisognerà presentare un test che abbia validità di due settimane secondo le linee guida dettate dal ministero dei trasporti.

Ad oggi sull’Isola degli Dei si sono registrati più di 3000 contagi e 48 morti.

 

MALDIVE (cover foto)

Anche le Maldive si trovano in una situazione analoga a quella del paradiso balinese, con un’economia basata prevalentemente sul turismo e 1.7 milioni di turisti nel 2019.

Con oltre 1450 casi registrati e cinque morti, le Maldive hanno riaperto le porte ai turisti internazionali già dal 15 luglio (hotel e crociere), senza obbligo di test e senza quarantena. Dal 1 agosto riapriranno anche le guest house, che al momento erano ancora interdette.

Per favorire la ripresa del turismo inoltre non sono stati previsti nè visti nè tasse aggiuntive rispetto all’epoca pre-Covid.

 

MESSICO

Nonostante il Messico sia ancora in lockdown e nonostante l’aumento dei contagi, il governo ha in programma di riaprire regione per regione, cominciando prima dal turismo locale, poi dai turisti provenienti da USA e Canada, fino a tutti gli altri.

Los Cabos, in particolare,  spera di poter riaprire ai turisti internazionali tra agosto e settembre prossimi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

INSTAGRAM @SURFCORNER #SURFCORNER