Articoli

Nuovo Progetto di Surf Park a Livorno

Un nuovo progetto di Surf Park a Livorno si inserisce nell’ipotesi di riqualificazione dell’ex ippodromo Caprilli.

L’ippodromo Caprilli, chiuso dal 2016, si trova appena dall’altra parte della strada rispetto ai Bagni Fiume, uno degli spot cittadini più cari ai surfisti labronici, e si estende su un’area di 180.000 metri quadrati.

Secondo quanto rivelato recentemente dal quotidiano d’informazione Il Telegrafo di Livorno, il progetto nasce da un gruppo di architetti, guidati da Paolo Monti, insieme all’imprenditore e surfista Nicola Pinzauti (ricordate l’amico di lettera di Chris Del Moro nel film Bella Vita?) e si inserirebbe nel bando di concorso per la riqualificazione dell’Ippodromo Caprilli, dove dovrebbe sorgere la Cittadella dello Sport.

Il progetto della Cittadella dello Sport, molto più ampio del solo surf park, prevede la riqualificazione totale dell’area dell’ippodromo, ormai chiuso, con la costruzione di campi di calcio e calcetto, pista di atletica, una scuola calcio, foresteria per gli atleti, bar, ristoranti, scuola di surf, spiaggia attrezzata, bio piscina, negozi specializzati e uffici.

Nella zona Nord dell’ippodromo, poi, sarebbe realizzato un campo di sabbia di 40 per 44 metri in grado di accogliere tutte le discipline sportive su sabbia fino alle competizioni internazionali. Ovviamente l’elemento più innovativo e per noi surfisti più interessante è senza dubbio la surf pool che, se realizzata, trasformerebbe Livorno nella prima città Italiana ad avere un surf park, sempre che uno degli altri progetti di cui si parla da tempo non prenda il via prima.

Non è infatti il primo progetto di questo tipo in Italia, ma dopo le voci di movimenti in questa direzione nelle aree di Milano, Riccione e Roma, la location labronica chiuderebbe il cerchio e coprirebbe il quarto punto cardinale con un progetto di questo tipo.

Per quanto riguarda le risorse per realizzarlo, il pool di architetti che sta lavorando al progetto, guidato da Paolo Monti, ha svelato ultimamente nuovi dettagli, rivelando di tenere in considerazione due possibili strade per la sua realizzazione: quella della sua realizzazione come parte della Cittadella dello Sport o tramite un finanziamento diretto da parte di un gruppo di possibili investitori, con i quali si sta già interagendo. In entrambi i casi non ci sarebbe esborso di soldi pubblici.

Quello che ci pare certo, è che non si tratterà di un progetto realizzato dall’oggi al domani, come sappiamo bene, da anni si parla di progetti di surf park in Italia e finora nessuno di essi è ancora decollato, ma questo testimonia il fatto che l’interesse verso le surf pool è in continua crescita e chissà che prima o poi non si trovi un gruppo di finanziatori seriamente interessato a deporre la prima pietra per la sua realizzazione.

 

Il Caprilli visto dal cielo e dall’altra parte della strada i Bagni Fiume. Foto © Google Earth

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
18 × 16 =


INSTAGRAM @SURFCORNER #SURFCORNER