Articoli

Wavegarden Night Surfing Experiment

Gli ideatori del Wavegarden stanno testando nuove possibilità di surf notturno.

Wavegarden, pionieri della tecnologia delle onde artificiali, ha recentemente condotto una serie di test presso la loro sede in Spagna settentrionale, al fine di verificare come la sua tecnologia può migliorare diversi aspetti della esperienza di navigazione. La prima di tali prove è stata focalizzata sul surf di notte, utilizzando un sistema di illuminazione state-of-the-art e con il talento di ex campione europeo di surf Vincent Duvignac, i big wave surfer Natxo Gonzalez e Axi Muniain, e il surfista locale di Zarautz Asier Maqueda.

 

 

In collaborazione con una serie di fornitori tecnici principali, Wavegarden sta affinando la loro capacità di illuminare le strutture di notte, che, oltre a produrre immagini spettacolari, consentiranno ai surfisti di avere la loro dose di onde prima o dopo il lavoro, o la scuola, soprattutto nei mesi invernali, quando la luce del giorno è limitata.

Il surf notturno di per sé non è una novità. Gare di surf sono state fatte in mare di notte, in passato, con illuminazione simile ad uno stadio di calcio. Tuttavia, il surf notturno ha avuto finora un successo limitato poichè è complicato da configurare, impossibile illuminare una vasta area abbastanza da vedere pienamente le onde che si avvicinano, ed è difficile per i surfisti vedere chiaramente la formazione delle onde e la consistenza dell’acqua.

 

GRG_7271

 

Nei primi test di Wavegarden, le luci sono strategicamente posizionati sott’acqua per creare un effetto mai visto prima, fornendo un’esperienza davvero unica per i surfisti. “Illuminare le onde da sotto l’acqua è un nuovo concetto e un elemento chiave alle richieste del cliente di Wavegarden”, ha confermato il CEO di Wavegarden, Josema Odriozola. “Abbiamo utilizzato programmi software per modificare la luce di copertura, l’intensità e il colore. Siamo anche riusciti a installare una luce sul wavefoil in movimento per illuminare l’onda per l’intera lunghezza della laguna”.

“Era necessario sperimentare l’angolo e la profondità delle luci per ottimizzare la riflessione all’interno dell’onda. Anche se ci rendiamo conto che le luci esterne saranno mantenute presso le strutture commerciali, al centro di questa nostra ricerca è stata l’illuminazione al di sotto della superficie delle acque “, Odriozola ha aggiunto.

 

 

GRG_7166

 

 

“Ho già surfato di notte prima d’ora, ma questo è qualcosa di completamente diverso”, ha spiegato il francese Vincent Duvignac, riconosciuto come uno dei surfisti più talentuosi ed eleganti d’Europa. “Ora il ‘quando’ si surfa è diventato irrilevante: Natxo ed io abbiamo surfato fino alle 2 di notte e avremmo potuto continuare ancora se non fosse che siamo crollati dalla stanchezza”.

Il test del surf notturno al Wavegarden è stato documentato dal celebre fotografo francese di surf Greg Rabejac, che è ha già documentato i surfisti di notte nel corso degli ultimi 3 anni in Francia, Spagna e Marocco.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

INSTAGRAM @SURFCORNER #SURFCORNER