Articoli | 20 novembre 2012

Alessandro Piu Goes Big

Alessandro Piu muove i primi passi nel big wave surfing e nei giorni scorsi è volato in Cantabria per surfare in paddling una swell piuttosto consistente nello spot La Vaca, divenuto famoso nel big wave surfing per la gara organizzata annualmente da Quiksilver.

Ale Piu si scalda con un set sui 5 metri. Foto courtesy Josè Pellon/Surflandia.es

Alessandro ha deciso di muovere i primi passi nel big wave surfing approfittando di una mareggiata di dimensioni medie, secondo la scala delle big waves, con onde intorno ai 5 metri e con i set più grossi di 7-8 metri e si va così ad aggiungere a quei pochi ancora surfisti italiani che si dedicano al surf su onde grosse.

Abbiamo visto i fratelli Francisco e Niccolò Porcella sulle onde di Jaws, Eugenio Barcelloni sulle onde del Perù, ma Alessandro Piu ha scelto le grosse onde dell’Europa per il suo battesimo, dopo mesi di allenamento sopra e sotto l’acqua.

Alessandro Piu insieme all’organizzatore del contest Quiksilver La Vaca Gigante. Foto Josè Pellon/Surflandia.es

La mareggiata ha richiamato diversi big wave rider spagnoli, tra cui Pablo Gutierrez, Daniel Pablos Martinez, Oscar Gomez, con cui Alessandro ha condiviso le onde. “Per me è stata una sensazione indescrivibile, mai provata prima, un modo tutto nuovo per me di fare surf…” ha dichiarato Alessandro al termine del secondo giorno di session sulle big waves. “Non c’è invidia, in acqua si è tutti uniti e pronti se qualcuno si fa male. Ho sentito davvero lo spirito puro del surf durante quelle due giornate.”

Hai avuto paura la tua prima volta sulle onde veramente grosse?
“All’ inizio ero intimorito dal rumore delle onde, montagne d’acqua che arrivavano con serie da 3 o 4 onde. Dopo aver preso la mia prima onda mi sono sentito piu’ sicuro di me stesso.”

Pensi che il big wave surfing avrà un ruolo nella tua vita o si tratta di un’esperienza isolata?
“Ovviamente questo è solo l’inizio della mia vita nel big wave.  Quello che sto facendo è diventare un surfista completo, che passa dal mezzo metro alle bombe di 7 metri. La piu’ grossa per ora che ho preso è stata di 5 metri… ora aspetto per la prossima.”

Che tipo di tavola hai usato per queste onde?
“Un gun 9’6′ x 20,5 x 3,5 presa a prestito da Daniel Pablo Martinez, uno dei local più rispettati della zona”

Lo spot in questione è difficile da affrontare?
“Il picco non è molto vicino a riva e raggiungerlo a nuoto è faticoso. Noi siamo andati fino alla line up col jet ski, uscendo dal porto, abbiamo ancorato il jet ski in zona sicura e remato sul picco.”

Tutte le foto della mareggiata sono courtesy Josè Pellon, la gallery completa cliccando qui.

TAG:

Commenti
Potrebbe interessarti anche...

La Cura Scozzese di Ian Battrick

La Scozia può regalare momenti sublimi come momenti di grande sofferenza, ma una cosa è…

Nuove Disposizioni sui Corsi ISA/Fisurf SURF L1

L’inclusione del Surf tra i nuovi sport olimpici a Tokyo 2020 darà al nostro sport una…

Zio Baffa Organic X Respect Locals

Zio Baffa rende omaggio con questo short movie a una delle più grandi regole non scritte …

Mick Fanning’s Irish Crossroads

Nel suo anno di pausa dal World Tour, Mick Fanning è tornato alle origini per mostrarci …

Check Out Leon Baiocchi

Oggi vi presentiamo un giovane surfer romagnolo attraverso la sua ultima clip girata a Bar…

Patagonia ha Vinto il Circular Economy Award

Patagonia vince il Circular Economy Multinational Award al World Economic Forum Annual Mee…

Follow The Swell Classic: Liguria Toscana

Report di un week end passato a inseguire una classica mareggiata sulla Liguria con scesa …

Leo Fioravanti Graduates To The Big Leagues

Red Bull ripercorre le tappe della carriera di Leonardo Fioravanti che lo hanno portato al…

Left World (Teaser)

Left World è il viaggio di un goofy sulle più belle sinistre della Sardegna.  Il nuovo …