Skin ADV
Articoli | 20 novembre 2012

Alessandro Piu Goes Big

Alessandro Piu muove i primi passi nel big wave surfing e nei giorni scorsi è volato in Cantabria per surfare in paddling una swell piuttosto consistente nello spot La Vaca, divenuto famoso nel big wave surfing per la gara organizzata annualmente da Quiksilver.

Ale Piu si scalda con un set sui 5 metri. Foto courtesy Josè Pellon/Surflandia.es

Alessandro ha deciso di muovere i primi passi nel big wave surfing approfittando di una mareggiata di dimensioni medie, secondo la scala delle big waves, con onde intorno ai 5 metri e con i set più grossi di 7-8 metri e si va così ad aggiungere a quei pochi ancora surfisti italiani che si dedicano al surf su onde grosse.

Abbiamo visto i fratelli Francisco e Niccolò Porcella sulle onde di Jaws, Eugenio Barcelloni sulle onde del Perù, ma Alessandro Piu ha scelto le grosse onde dell’Europa per il suo battesimo, dopo mesi di allenamento sopra e sotto l’acqua.

Alessandro Piu insieme all’organizzatore del contest Quiksilver La Vaca Gigante. Foto Josè Pellon/Surflandia.es

La mareggiata ha richiamato diversi big wave rider spagnoli, tra cui Pablo Gutierrez, Daniel Pablos Martinez, Oscar Gomez, con cui Alessandro ha condiviso le onde. “Per me è stata una sensazione indescrivibile, mai provata prima, un modo tutto nuovo per me di fare surf…” ha dichiarato Alessandro al termine del secondo giorno di session sulle big waves. “Non c’è invidia, in acqua si è tutti uniti e pronti se qualcuno si fa male. Ho sentito davvero lo spirito puro del surf durante quelle due giornate.”

Hai avuto paura la tua prima volta sulle onde veramente grosse?
“All’ inizio ero intimorito dal rumore delle onde, montagne d’acqua che arrivavano con serie da 3 o 4 onde. Dopo aver preso la mia prima onda mi sono sentito piu’ sicuro di me stesso.”

Pensi che il big wave surfing avrà un ruolo nella tua vita o si tratta di un’esperienza isolata?
“Ovviamente questo è solo l’inizio della mia vita nel big wave.  Quello che sto facendo è diventare un surfista completo, che passa dal mezzo metro alle bombe di 7 metri. La piu’ grossa per ora che ho preso è stata di 5 metri… ora aspetto per la prossima.”

Che tipo di tavola hai usato per queste onde?
“Un gun 9’6′ x 20,5 x 3,5 presa a prestito da Daniel Pablo Martinez, uno dei local più rispettati della zona”

Lo spot in questione è difficile da affrontare?
“Il picco non è molto vicino a riva e raggiungerlo a nuoto è faticoso. Noi siamo andati fino alla line up col jet ski, uscendo dal porto, abbiamo ancorato il jet ski in zona sicura e remato sul picco.”

Tutte le foto della mareggiata sono courtesy Josè Pellon, la gallery completa cliccando qui.

TAG:

Commenti
Potrebbe interessarti anche...

Soul Surfing Day 2016

A Recco si svolgerà il primo evento europeo di Soul Surfing, il progetto sviluppato dal s…

Confusion

Senza la divisa da ufficio, Angelo Bonomelli si trasforma completamente in un’altra…

Fabrizio Passetti Indo Experience

Fabrizio Passetti ha documentato la sua recente esperienza in Indonesia in un video girato…

Splitting Baguettes

Alessandro Piu sulla costa atlantica francese quest’estate non solo ha condiviso le …

Il Pane è Sacro: Phil Grace in Italia

La factory di Dr. Ank ospita una leggenda  dello shaping internazionale. Phil Grace shape…

Boscaglia Spodesta Pistidda a Li Junchi Longboard Fest

Boscaglia spodesta  Pistidda dal trono e vince Li Junchi Longboard Fest 2016. Marco Bosca…

Finisce l’avventura dei nostri Junior ai Mondiali ISA

Con l’eliminazione di Mattia Migliorini termina l’avventura ai Mondiali ISA dei nostri…

Mondiali ISA Vissla World Junior Championship 2016

Terminato il mondiale ISA alle Azzorre per il Team Italia con l’ultima heat disputat…

Patagonia Yulex Tour Pronto a Partire

Pronto a partire il tour italiano di Patagonia per presentare la nuova muta in gomma natur…