Report | 27 agosto 2012

Francisco Porcella Vince il Frozen Open

Francisco Porcella è il nuovo campione del Frozen Open. Spettacolo alla Marinedda: onde alte tre metri, 17 atleti in gara e oltre due mila spettatori.

 

ISOLA ROSSA, 27 agosto 2012 – È stato uno spettacolo e per la nona volta il Frozen Open presentato da Monster Energy ha fatto capire cosa può essere il surf in Italia. Le onde spaccaossa della baia della Marinedda, a Isola Rossa, ieri hanno selezionato il vincitore dell’edizione 2012 della gara di surf più spettacolare d’Italia: Francisco Porcella. Era uno dei favoriti e nonostante questo Porcella non ha mollato mai un attimo la marcatura sugli avversari. Alla fine il punteggio più alto, e il titolo di re della baia, se l’è preso con i denti e remando le onde più grosse della giornata.

Dietro il surfista prodigio delle Hawaii, un ragazzo di Buggerru e habitué del Frozen Open ormai da qualche anno: Alessandro Scalas. A seguire il sassarese Gavino Dettori (anche l’anno scorso sul podio) e poi Giuseppe Romano. La gara è andata letteralmente in crescendo batteria dopo batteria. La giornata era iniziata con un violento acquazzone su tutta la costa nord, che ha innaffiato il mare ancora piatto delle sei del mattino. Poi, lentamente, il vento ha fatto il suo lavoro, increspando sino all’inverosimile i frangenti dell’Isola Rossa. Il contest è iniziato in tarda mattinata proprio per permettere al mare di aumentare, ma è esploso una volta entrata in acqua la prima batteria, consolidandosi in serata con onde alte anche più di tre metri. A contendersi il titolo, dentro l’inferno di schiuma, 17 atleti da tutto il mondo. Oltre alla folta rappresentanza della Sardegna e di tutta la Penisola anche il brasiliano Leonardo Leira e il sardo-hawaiano Francisco Porcella. Nato a New York da padre sardo e mamma statunitense, in finale Porcella ha impressionato i giudici per la completa preparazione atletica e la capacità di aggredire le onde con determinazione e aggressività, spegnendo i sogni di gloria sia di Scalas sia di Dettori e prendendosi la parte più grande del montepremi di cinque mila euro.

Francisco Porcella

Porcella, 26 anni, vive sin da bambino nell’isola di Maui, alle Hawaii, e da diversi anni fa parte del mondo professionistico del surf. Ama le grandissime onde dell’oceano (anche più di 15 metri) e l’anno scorso è arrivato alla finale dei Billabong XXL– global big wave awards surfando Jaws, uno dei frangenti più grossi del mondo, sempre alle Hawaii. «È stato bellissimo – ha detto ieri Francisco – da anni volevo partecipare al Frozen Open ma a causa dei frequenti viaggi ho dovuto sempre rinunciare. In finale sono arrivati due set bellissimi, di almeno tre metri». Porcella rimarrà in Sardegna sino a metà settembre, poi volerà nuovamente alle Hawaii per partecipare al Big wave world tour, circuito per gli specialisti delle onde giganti prese con la sola forza delle braccia (quindi senza l’ausilio della moto d’acqua). Francisco (che ha il doppio passaporto) sarà l’unico italiano in gara.


Scalas

La nona edizione può dunque andare in archivio e sarà ricordata non soltanto per le evoluzioni dei surfisti, ma anche per la straordinaria partecipazione di pubblico. Impossibile contare tutte le persone – per lo più giovani – che si sono assiepate sulla sabbia dorata della Marinedda e hanno seguito con il fiato sospeso lo svolgimento delle batterie. Almeno due mila persone, forse di più, e comunque erano tantissimi come confermato anche dai fotografi e i cameraman che si trovavano a bordo dell’elicottero Vans che ha sorvolato la baia per la durata della finale. E poi gli applausi che come sempre hanno premiato le surfate più belle, fenomeno questo non facile da ritrovare durante le competizioni organizzate all’estero e seguite dal pubblico solitamente “freddo”. Invece la caratteristica della Marinedda è proprio questa: il Frozen Open è una grande festa, e come ogni festa che si rispetti non manca mai la musica e il divertimento. I dj Davide Merlini e Fabiano Carboni hanno messo sui piatti i migliori pezzi del loro repertorio, dal rock alla surf music al reagge. Il culmine della gioia è stato comunque subito dopo la premiazione. Gli atleti che sono saliti sul podio sono stati innaffiati di Monster Energy e insieme a loro anche gli organizzatori Giuseppe Romano, Fabio Di Molfetta e Marcello Chessa. Subito dopo la festa offerta da Reef ha fatto il resto: il pubblico si è abbandonato al tramonto della Marinedda e a una nottata di surf e musica.

 

Il Frozen Open è stato presentato da Monster Energy e ha lo sponsor di Frozen ClothingNesosMotherfuckerVansReef Marinedda Bay surf camp. Ha il patrocinio della federazione di surf da onda Fisurf e del Comune di Trinità d’Agultu. L’organizzazione è affidata al Nesos surf Club di Giuseppe Romano, Marcello Chessa e Fabio Di Molfetta. Il sito ufficiale della manifestazione, con tutte le gallery fotografiche dei contest precedenti e gli aggiornamenti è www.marineddabay.com, per gli appassionati dei social network c’è il profilo facebook Frozen Open.

 

9° Frozen Open presented by Monster Energy

Spot: Marinedda Bay-Isola Rossa, Sardegna

Main sponsor: Monster Energy, Frozen Clothing, Motherfucker, Nesos

Patrocinio: Comune di Trinità D’Agultu, Fisurf

In collaborazione con: Vans, Marinedda bay surf camp, Reef

Staff organizzativo: Nesos Surf Club

Info: www.marineddabay.com

Giuseppe + 39 338 28 72 827 / Marcello +39 339 21 87 182

TAG: , ,

Commenti
Potrebbe interessarti anche...

Pipe Masters 1985: Occy’s Win

Inizia oggi il waiting period del Pipe Masters. Trentun’anni fa Mark Occhilupo vince…

Al via domani i Mondiali ISA di Adaptive Surf

Ai nastri di partenza i mondiali ISA di adaptive surf a La Jolla, California. Ecco il team…

P A U S E

Pausa pranzo tra sud ovest della Francia e Indonesia con Bruno Degert    

Roberto D’Amico Back to Quemao Class

Roberto D’Amico torna a Lanzarote per il Quemao Class insieme ai migliori tube rider…

Ufficiale: Leonardo Fioravanti farà il WCT

La battaglia per la qualificazione al WCT è finita e la lista dei top 10 QS ben delineata…

60” Edoardo Papa November Ep. 1

Edoardo Papa si racconta in un nuovo progetto video in quattro episodi stagionali. 60 seco…

Eddie Would Go. And The Eddie Will Go

Inizia con la classica cerimonia di apertura il waiting period della 32^ edizione del Quik…

Il Fascino Discreto della Bora

Fare surf in Adriatico con la bora in una giornata invernale è quasi proibitivo ma ha se…

Leo Fioravanti a Nias. Epic Bonus Track

Leonardo Fioravanti nella session epica a Nias attraverso la lente di Alessio Saraifoger. …