Articoli | 29 maggio 2012

Good Vibes al Surf Swap Party

E’ stato un successo il Surf Party Swap Art organizzato ieri sera a Cesenatico, Costa Est, da Surflab in collaborazione con Bronx Ponente, richiamando frotte di surfisti da tutta la costa romagnola.

 

Il chiosco I Vagabondi di Cesenatico ieri sera emanava decisamente vibrazioni positive durante il Surf Party Swap Art organizzato da Roberto Bacchereti di Surflab insieme a Simone Tribuiani, in arte Tribu, ideatore di Bronx Ponente.

E non erano soltanto le vibrazioni che uscivano dalle casse di Matte Dj, ma erano anche e soprattutto le vibrazioni emanate dai tanti surfisti accorsi dai punti cardinali della riviera romagnola per esporre scambiare o vendere i propri “legni”, di ogni tipo, dalle shortboard classiche, ai long, fino alle tavole più ricercate, come alaia, fish retrò, twin fin, quad, pod, finless e molto altro. Alcuni veri e propri pezzi da museo sono circolati durante la serata, importati dai viaggi intorno al mondo o semplicemente frutto di esperimenti da garage.

 

 

La serata è stata l’occasione per Roberto Bacchereti di esporre la sua nuova collezione di tavole realizzata in collaborazione con Simone Tribuiani, autore delle grafiche marchiate Bronx Ponente, che Roberto, fondatore di Surflab porterà in giro nei prossimi giorni in almeno un paio di eventi già programmati, il primo dei quali è il Matrioska del 2 e 3 giugno prossimi. Per le prossime apparizioni di Roberto/Surflab tenete d’occhio il sito ufficiale.

 


Roberto “Surflab” ammira alcune delle tavole in esposizione

Roberto Bacchereti ha iniziato il suo percorso nell’arte dello shaping da pochissimi anni, ma la sua passione per una ricerca attenta e la rivisitazione delle linee retrò è talmente grande e forte che la sua popolarità sulla costa est (e non solo) ha avuto una notevole impennata nell’ultimo anno, radunando attorno al suo progetto Surflab moltissimi appassionati di tavole dalle linee uniche, sostenitori della surf culture che qualche decade fa imperversava sulle coste della California e che da qualche anno sta tornando sempre più in voga.

 


Simone Tribuiani “Tribu” e il progetto artistico Bronx Ponente

La voglia di sperimentare nuovi disegni e nuove linee sulle tavole fino a creare dei pezzi unici è l’elemento che ha caratterizzato fin dall’inizio Surflab, il progetto fondato da Roberto e che rappresenta un’officina di idee, il luogo ideale dove sperimentare e dare forma ai proprio pensieri con passione e impegno.

Con queste premesse, il progetto artistico di Simone Tribuiani “Bronx Ponente” si sposa perfettamente con la filosofia che sta alla base di Surflab. Bronx Ponente trasforma le influenze mitigate dalla soleggiata California e le proietta nella realtà surfistica nostrana, utilizzando come mezzo le tavole shapate appositamente da Roberto.

Per saperne di più:
www.surflab.it
www.tribusimonetribuiani.com

 

TAG: , , , ,

Commenti
Potrebbe interessarti anche...

Nuove Disposizioni sui Corsi ISA/Fisurf SURF L1

L’inclusione del Surf tra i nuovi sport olimpici a Tokyo 2020 darà al nostro sport una…

Zio Baffa Organic X Respect Locals

Zio Baffa rende omaggio con questo short movie a una delle più grandi regole non scritte …

Mick Fanning’s Irish Crossroads

Nel suo anno di pausa dal World Tour, Mick Fanning è tornato alle origini per mostrarci …

Check Out Leon Baiocchi

Oggi vi presentiamo un giovane surfer romagnolo attraverso la sua ultima clip girata a Bar…

Patagonia ha Vinto il Circular Economy Award

Patagonia vince il Circular Economy Multinational Award al World Economic Forum Annual Mee…

Follow The Swell Classic: Liguria Toscana

Report di un week end passato a inseguire una classica mareggiata sulla Liguria con scesa …

Leo Fioravanti Graduates To The Big Leagues

Red Bull ripercorre le tappe della carriera di Leonardo Fioravanti che lo hanno portato al…

Left World (Teaser)

Left World è il viaggio di un goofy sulle più belle sinistre della Sardegna.  Il nuovo …

Billabong X Hula The Andy Irons Mural

Il rinomato artista di strada Hula ha reso omaggio al grande Andy Irons con un murales rea…