Skin ADV
Articoli | 28 ottobre 2009

Mick fanning vince a supertubos e prende le distanze

Surfcorner.it – Ad inizio anno nessuno aveva scommesso su Mick Fanning per un’eventuale corsa al titolo mondiale, con Parkinson partito in quarta tutti gli occhi erano puntati su quest’ultimo e intanto Mick ha cominciato a lavorare da dietro le quinte senza la pressione dei media.

Oggi a Supertubos, Portogallo, Mick ha guadagnato la sua seconda vittoria ad un Rip Curl Search e la sua terza vittoria nel campionato ASP 2009 consolidando la leadership in classifica e iniziando a prendere le distanze del numero 2, Joel Parkinson, in vista di un secondo titolo mondiale.

Fanning ha battuto in finale Bede Durbidge, dopo che questo aveva eliminato il suo diretto avversario nella corsa al titolo, in condizioni d’onda deteriorate rispetto alla giornata di ieri, dove si sono viste alcune delle più belle condizioni in gara di quest’anno.

Nell’arco del waiting period infatti il Rip Curl Pro Search ha sperimentato ogni tipo di condizione. Dai 2 piedi delle prime heat a The Wall, ai 4 piedi puliti di Lagido, passando per i 4-6 piedi tubanti di Belgas fino ai 6-8 e perfino 10 piedi di ieri a Supertubos, con alcuni dei tubi più belli visti in gara, prima di tornare alle condizioni di oggi nettamente ridimensionate.

Durbidge colleziona il suo secondo posto della stagione, dopo aver condotto una gara dando prova di gran forma, vista anche la somiglianza dello spot con il suo homespot in Australia (North Stradbroke Island) e risale al quarto posto della classifica generale prima di andare alle Hawaii per la finale.

Uno degli atleti che hanno più impressionato durante la gara è stato il talentuoso goofy australiano Owen Wright, attualmente al terzo posto del WQS e inserito nel main event grazie ad una wild card dello sponsor.
Wright ha fatto terra bruciata fino alla semifinale, eliminando prima il campione del mondo Juniores Kekoa Bacalso, poi il nove volte campione Kelly Slater, prima di mandare a casa Dane Reynolds e Damien Hobgood.
Purtroppo a causa di una brutta caduta ieri, che gli ha lesionato il timpano e il collo, i medici gli hanno sconsigliato di disputare la semifinale oggi contro Fanning, che è così passato direttamente in finale.

Wright dovrebbe comunque tornare in forma per le Hawaii dove lo attendono le utlime tappe del WQS.

Alla fine del contest il più contrariato rimane Parkinson, che dopo l’ottimo inizio di stagione e dopo gli ultimi tre brutti risultati prima del Portogallo, ha ritrovato la forma arrivando in semifinale e rimane in corsa per il titolo, che si deciderà definitivamente alle Hawaii, anche se Fanning ha preso leggermente le distanze. Ecco gli scenari possibili:

- Se Fanning finisce tra il 33esimo e il nono posto a Pipeline, Parko ha bisogno di un terzo posto almeno per vincere il titolo

- Se Fanning finisce quinto, Parkinson deve arrivare almeno secondo

- Se Fanning finisce terzo, Parko deve vincere la finale per ottenere il titolo

- Se Fanning finisce secondo a Pipeline o vince, avrà il suo secondo titolo mondiale in tasca.

Intanto, terminato il contest maschile, le ragazze sono entrate in acqua al Belgas per il Rip Curl Women’s Pro Search, quarto stop sui sette del World Tour.

RIP CURL PRO SEARCH FINAL RESULTS:
1 – Mick Fanning (AUS) 12.67
2 – Bede Durbidge (AUS) 9.87

RIP CURL PRO SEARCH SEMIFINAL RESULTS:
SF 1: Bede Durbidge (AUS) 14.60 def. Joel Parkinson (AUS) 13.27
SF 2: Wright Withdraws Due to Injury, Fanning Advances

CURRENT ASP WORLD TOUR TOP 10 (Following Rip Curl Pro Search):
1 – Mick Fanning (AUS) 7140 points
2 – Joel Parkinson (AUS) 6772 points
3 – Adriano de Souza (BRA) 6148 points
4 – Bede Durbidge (AUS) 6146 points
5 – C.J. Hobgood (USA) 5748 points
6 – Taj Burrow (AUS) 5524 points
7 – Kelly Slater (USA) 5514 points
8 – Bobby Martinez (USA) 5421 points
9 – Damien Hobgood (USA) 5116 points
10 – Jordy Smith (ZAF) 4828 points

RIP CURL WOMEN’S PRO SEARCH ROUND 1 MATCH-UPS
Heat 1: Rebecca Woods (AUS), Jacqueline Silva (BRA), Bruna Schmitz (BRA)
Heat 2: Melanie Bartels (HAW), Samantha Cornish (AUS), Alana Blanchard (HAW)
Heat 3: Stephanie Gilmore (AUS), Amee Donohoe (AUS), Pauline Ado (FRA)
Heat 4: Silvana Lima (BRA), Sally Fitzgibbons (AUS), Megan Abubo (HAW)
Heat 5: Sofia Mulanovich (PER), Chelsea Hedges (AUS), Jessi Miley-Dyer (AYS)
Heat 6: Paige Hareb (NZL), Coco Ho (HAW), Rosanne Hodge (ZAF)

TAG:

Commenti
Potrebbe interessarti anche...