Artworks

Laurel aitken “the very last”

Il 17 luglio 2005 fu l’ultimo giorno in vita di Laurel Aitken, “the Godfather of Ska”, morto all’età di 87 anni. Questo grande cantante ha dato un incalcolabile contributo alla scena reggae e ska per decenni.
I dischi che Laurel registrò in Giamaica per Chris Blackwell, Duke Reid, Ken Khouri, Prince Buster, Leslie Kong e Clement ‘Coxsone’ Dodd dello Studio One ebbero un forte impatto sulla comunità Caraibica espatriata in Inghilterra. Dopo essersi trasferito a Londra, Laurel Aitken tornò sporadicamente a Kingston, Giamaica per incidere delle recording sessions per l’etichetta Blue Beat di Emil Shallit, la Rio di Graeme Goddall e la R&B di Rita e Benny King.
Lo stile particolare delle autoproduzioni di Laurel Aitken emerse nella fase successiva della musica reggae e conio’ i codici per lo Ska e il rocksteady nella scena Britannica e in seguito per tutto il mondo della musica.
Nel settembre del 2003 Laurel Aitken effettuo’ un tour in Italia con il gruppo italiano dei Cookoomackastick come backing band. Il calore e l’energia sprigionata dal vivo suggeri’ a Laurel l’idea di lavorare in studio con la stessa band per registrare dieci classici del soul con arrangiamenti reggae e rocksteady. A causa dei problemi di salute di Laurel, la produzione del disco si interruppe due volte. Finalmente Laurel Aitken e la band riuscirono a registrare sei brani in uno studio di Birmingham e in Italia. Gli ultimi brani musicali registrati dal “Godfather of Ska”, Laurel Aitken. Il CD audio presenta ben dodici brani: vi sono classici di Laurel quali “Zion City”, “It’s Too Late”, due brani assolutamente inediti oltre a covers struggenti e piene di passione di “That’s How Strong My Love Is” e “Pain In My Heart” (Otis Redding), “Stand By Me/Pregherò” (cantata in italiano con il testo reso celebre da Adriano Celentano). Il CD è un meraviglioso lascito da parte di questo grande artista per chiunque ami la musica.
L’intera storia riguardante queste registrazioni è inclusa nel DVD allegato al CD, con brani dal vivo registrati nel corso dell’ultimo tour di Laurel Aitken, interviste inedite e materiale video realizzato nel corso delle sessions in studio. Si tratta di un tributo al percorso artistico di Laurel Aitken, di un documento sull’amicizia e il feeling nato fra questo immenso personaggio e la band, e sull’amore verso la musica e la gioia di suonare della vera reggae-soul music. Un sentito omaggio a uno dei più grandi artisti giamaicani di sempre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
15 − 6 =


INSTAGRAM @SURFCORNER #SURFCORNER