Report

Tokyo 2020: Storica Medaglia d’Oro per Italo Ferreira e Carissa Moore

La statunitense Carissa Moore e il brasiliano Italo Ferreira sono stati incoronati primi campioni olimpici della storia del surf a Tokyo 2020.

Si sono appena concluse le olimpiadi di Tokyo 2020 con la prima storica partecipazione del surf tra le nuove discipline ammesse e la conquista della medaglia d’oro, più che meritata, a Italo Ferreira e Carissa Moore, solidi e costanti per tutta la durata dell’evento, con una marcia visibilmente in più.

Argento a Kanoa Igarashi e Bianca Buitendag, bronzo a Owen Wright e alla giapponese Amuro Tsuzuki.

L’evento surf si è disputato in tre giornate intense, una in anticipo sulle quattro in programma, a causa del maltempo in avvicinamento a causa di un Tifone al largo della costa, il quale allo stesso tempo ha permesso di godere di onde solide di 5-8 piedi nelle ultime due giornate.

Podio men. Courtesy ISA/Pablo Jimenez

La cerimonia di premiazione si è svolta alla presenza del presidente ISA Fernando Aguerre, che non ha potuto trattenere le lacrime di commozione per il coronamento del sogno di Duke Kahanamoku, e ha voluto omaggiare i surfisti sul podio con un omaggio personale, un mazzo di girasoli, in aggiunta alla medaglia.

“Vedere i primi olimpionici salire su un podio con le medaglie al collo mi ha fatto venire le lacrime agli occhi.” ha esordito Aguerre, “Questo momento è stato un grande passo nella nostra missione di rendere il mondo un posto migliore attraverso il surf. Olympic Surfing ha esposto a questo sport un’intera nuova generazione di giovani. I bambini che guardano questo momento da tutto il mondo ora conoscono il surf e hanno i propri sogni da perseguire. Sanno che diventare un surfista olimpico è un obiettivo che è possibile raggiungere.

Carissa Moore. Courtesy ISA/Pablo Jimenez

Spero che il pubblico che guarda – il più ampio che abbia mai visto un evento di surf – possa sentire il potere del surf, la connessione con la natura e l’energia giovanile che abbiamo portato alle Olimpiadi. Spero che l’entusiasmo e la gioia del nostro sport risuonino in tutto il mondo e mostrino alle persone come lo sport può essere utilizzato per apportare cambiamenti sociali positivi. Inoltre, in quanto utenti quotidiani dei nostri oceani, spero che il resto del mondo possa unirsi a noi per prendersene più cura.

Tokyo 2020 è stato senza dubbio un successo clamoroso. Abbiamo anche concluso la giornata con un bellissimo arcobaleno. Il futuro del surf olimpico sembra brillante con l’inclusione a Parigi 2024 e poi due chiare opportunità per il surf a Los Angeles 2028 e Brisbane 2032. Questo è un ottimo inizio per il viaggio olimpico del surf.”

Cover foto: Italo Ferreira courtesy of Pablo Jimenez/ISA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

INSTAGRAM @SURFCORNER #SURFCORNER