Skin ADV
SUP | 14 giugno 2012

1° Ostia SUP Challenge

1st SUP SURFING CHALLENGE OSTIA ROMA, Tappa unica per il Campionato Italiano Sup Surfing 2012 New Surfing Italia.

Location : V-Lounge Beach, Ostia

Patrocinio : XIII Circoscrizione , Presidenza Commissione Sport e Turismo Pres. Bonvicini A.

Organizzatori : SUP WAVE CLUB e SURFING ITALIA

Sponsor Principali : NEW SURFING ITALIA ,V-LOUNGE BEACH ,ASUPA, ISE

Sponsor Secondari: Pike , Sawyer, Fabio Giacomini.The Sup House

Presentazione evento da parte del Presidente Commissione Sport e Turismo della XII Circoscrizione in conferenza stampa e ai media locali : Canale 10 e le testate, il Messaggero e Giornale di Ostia.

Presentazione evento sui media del settore Presentazione evento e presenza su Facebook con la pagina :1st OSTIA SUP CHALLENGE

La gara si svolgera’ in un arco di tempo di 30gg dal 10 settembre al 10 ottobre. Si svolgera’ con la formula classica di tutte le gare Surfing cioe’ in varie batterie eliminatorie per arrivare a semifinali e finali. La durata dovrebbe essere di una giornata. Se la mareggiata fosse ampia anche due giorni. Semaforo verde per inizio gara, 48 ore prima dell’evento

Lo staff dei giudici sara’ formato da giudici surfing qualificati operanti in SURFING ITALIA. Per il giudizio degli atleti in gara fara’ fede il criterio di giudizio dell’ Associazione Internazionale Surfing allegato.Il testo e’ stato tradotto e copiato alla lettera.

Tutte le comunicazioni inerenti il contest saranno puntualmente pubblicate sulla pagina Facebook relativa.Invitiamo pertanto tutti gli atleti interessati ad accreditarsi all’evento via internet quanto prima per poter facilitare l’Organizzazione nella preparazione della compretizione.

Enjoy and ride…..

Fabio Giacomini Presidente

SUP WAVE CLUB

Info tecniche gara : fabio-giacomini@libero.it Iscrizioni e tesseramenti : francescoaddesse@libero.it

In rispetto dei regolamenti Ufficiali Internazionali a cui ci ispiriamo, comunichiamo che la gara valevole per il Campionato Italiano 2012 Sup Surfing NEW SURFING ITALIA, prevista per il prossimo 10 Settembre ad Ostia presso il V- lounge sara’ svolta solamente con condizioni di Surfing.

La condizione di Surfing che noi approviamo e giudicheremo e’ la stessa utilizzata da tutti a livello globale cioe’ vento inferirore agli 8 nodi di preferenza off-shore,mare possibilmente liscio e picco ben definito con onda destra o sinistra. Sara’ presa in considerazione un’onda minima da 2 piedi in su’ come da Regolamento Ufficiale Qualora non si verifichi una condizione ideale per disputare la gara verra’ rinviata fino a quella giusta compresa nel waiting period 10/9-10/10.

Invitiamo tuti i partecipanti a voler preparare un buon repertorio di manovre su cui poter essere giudicati come previsto dal regolamento.

Buon Allenamento

Fabio GiacominI
PRESIDENTE SUP WAVE CLUB

 

IL CLUB CHE OSPITA LA MANIFESTAZIONE : SUP WAVE CLUB E CENNI SUL SUP SURFING.

Nasce da un’idea del suo Presidente Fabio Giacomini, da sempre praticante in acqua e costruttore di tavole artigianali per tutti gli sport acquatici, windsurf ,surf ,kite waveski ed ora SUP surfboards.

Professionalmente nato nel 1980 Fabio si dedica ora prevalentemente alla pratica e costruzione in numero limitato di Stand up Paddle Board per onda ultraperformanti dedicati ad atleti e freeriders avanzati. Fabio conoscitore del mercato e da diversi anni residente per parte dell’anno in Sudafrica ha scoperto nel 2007 questo nuova pratica sportiva per la prima volta proprio in quel paese.

Si e’dedicato subito quindi alla produzione e sviluppo di tavole idonee ai nostri mari ed anche all’insegnamento di questa disciplina sul litorale di Ostia.

La nascita nel 2010 del SUP WAVE CLUB ha lo scopo di sviluppare ed accrescere questo nuovo sport emergente che permettera’ di essere praticato sull’onda anche quella Italiana ancor piu’ del surf tradizionale. Il club e’ formato da soci tutti motivati nella pratica sportiva attraverso allenamenti e stage periodici , un vero e proprio gruppo sportivo.

Questo sport si pratica stando sempre in piedi quindi con tavole galleggianti anche su acqua piatta e muovendosi sull’acqua con una pagaia che funzionera’ da motore, appoggio e perno per girare. Permette a chi lo voglia di allenarsi periodicamente e sistematicamente anche su onda di scarsa potenza e dimensione, il Sup Surfing assicura performance e divertimento sulle micro onde Italiane e permettera’ ai nostri futuri atleti di essere competitivi anche a livello Internazionale, finalmente.

Il Club ha presso la sua sede al V-lounge Beach di Ostia , una scuola specifica per Sup su onda legata al circuito di scuole di ASUPA.

Fabio , si impegnato a fondo negli scorsi anni anche nel relazionarsi con personggi di spicco nel settore Italiano e con le Associazioni sportive Nazionali per poter organizzare delle competizioni per questo sport. Avendolo cosi’ fortemente voluto e’ riuscito grazie alla collaborazione di NEW SURFING ITALIA , Associazione Sportiva a carattere nazionale riconosciuta da AICS ,ad organizzare un Campionato Italiano che partira’ proprio con la tappa di Ostia il 10 settembre 2012. Sara’ lui d’ora in poi che si occupera per NEW SURFING ITALIA dell’organizzazione a livello nazionale di un Circuito Italiano Sup Surfing e sara’ il responsabile di questo sport sempre all’interno di NEW SURFING ITALIA.

Riteniamo con la promozione di questa manifestazione di aver raggiunto un traguardo di notevole rilevanza per il futuro di questo sport e la crescita di una classe di atleti dilettanti a livello locale e Nazionale. Potrete seguire tutte le nostre attivita’ sulla pagina Facebook SUP WAVE CLUB o sulla pagina dell’evento

 

REGOLAMENTO E CRITERIO DI GIUDIZIO DEL SUP SURFING WORLD TOUR A CUI CI ISPIRIAMO, COPIATO E TRADOTTO LETTERALMENTE

LA PAGAIA E’ UN UTENSILE E GIOCA UN’ IMPORTANTE RUOLO IN QUESTO SPORT, QUINDI NON E’ SOLO USATA PER PRENDERE LE ONDE ,MA DIVENTA UN ATTREZZO NECESSARIO PER GESTIRE LA TAVOLA SULL’ONDA.

(PUO’ ESSERE PARAGONATA ALLA RACCHETTA UTILIZZATA PER SCIARE)

CRITERI GENERALI DI GIUDIZIO

1 IL SURFER DI SUP PER ESSERE CONSIDERATO COMPLETO DEVE DIMOSTRARE DURANTE LA SUA PERFORMANCE CAPACITA’ DI GESTIRE LA TAVOLA SIA IN FASE TRANSITORIA( DESCRIZIONE SOTTO) CHE IN FASE DI

SURFING(DESCRIZIONE SOTTO)

2 IL SURFER DI SUP PER OTTIMIZZARE LE POTENZIALITA’ DEL PUNTEGGIO DEVE EFFETTUARE MANOVRE RADICALI IN TOTALE CONTROLLO USANDO LA PAGAIA COME UN ATTREZZO CHIAVE NELLA SEZIONE CRITICA DELL’ONDA ESPRIMENDO VELOCITA’,POTENZA E FLUIDITA’. PER OTTENERE PUNTI NEL SUP SURFING VERRANNO PRESI IN CONSIDERAZIONE : SURFING MODERNO ED INNOVATIVO ED UNA VARIETA DI REPERTORIO NELLE MANOVRE NONCHE’

L’USO DELLA PAGAIA NELL’ AUMENTARE L’INTENSITA’ DELLA MANOVRA STESSA.

3 IL SURFER DI SUP CHE ESEGUIRA’ QUESTI CONCETTI ESPPRESSI CON IL MASSIMO GRADO DI DIFFICOLTA’ ED IMPEGNO SULL’ONDA,SARA’ PREMIATO CON IL MASSIMO DEL PUNTEGGIO

CONSIDERAZIONI SUL PUNTEGGIO PER IL SUP

1 PER UN BUON GIUDIZIO DURANTE LA FASE DI TRANSIZIONE, CIOE’ NELL’ATTESA TRA UN’ONDA E L’ALTRA, ESSO DOVRA’ ESSERE SPESO IN PIEDI E PAGAIANDO CON UNA BUONA TECNICA E STABILITA’ TRA LE ONDE.STARE INGINOCCHIATI,STESI O SEDUTI MENTRE SI PAGAIA A MENO CHE NON SIA NECESSARIO PER RAGIONI DI

SICUREZZA,VIENE CONSIDERATA UNA CATTIVA FORMA DI ESPRIMERE IL SUP SURFING. NOTA SULLA SITUZIONE CRITICA: CI SI ASPETTA CHE IL BRAVO SUP SURFER SIA IN PIEDI PER TUTTA LA DURATA DELLA

BATTERIA A MENO CHE PER LA CITATA SICUREZZA SI AGISCA DIVERSAMENTE.

2 L’ENTRATA SULL’ONDA DEVE ESSERE FATTA IN PIEDI E PAGAIANDO PER POTER RAGGIUNGERE POI IL MASSIMO DEL PUNTEGGIO

3 FASE DI SURFING-UN PUNTEGGIO MEDIO VERRA’ APPLICATO SE NON SIA USATA LA PAGAIA COME STRUMENTO O PERNO DURANTE LE MANOVRE SULL’ONDA.POTENZA, MANOVRA RADICALE ,SEZIONE CRITICA E GRADI DI DIFFICOLTA’

SARANNO QUINDI I FATTORI DECISIVI 4 I CONTENDENTI PARTIRANNO DALLA SPIAGGIA SALVO DIVERSA COMUNICAZIONE DEL DIRETTORE DI GARA

5 USO DELLA PAGAIA- LA PAGAIA NEL SUP SURFING DEVE VENIR USATA PER TRE PRINCIPALI RAGIONI:E’ USATA DURANTE I CAMBIAMENTI DI DIREZIONE COME BRACCIO ,PERNO E MOLTIPLICATORE DI VELOCITA’

IL SUP SURFER CHE USERA’ LA PAGAIA IN UNO O TUTTI E TRE DEI MODI DESCRITTI PER RAGGIUNGERE TURNS SEMPRE PIU’ POTENTI E FILANTI RICEVERA’ IL MASSIMO DEL PUNTEGGIO

6 GIOCHETTI CON LA PAGAIA COME ROTAZIONI AD EFFETTO OD ALTRI MODI IMPROPRI VERRANNO GIUDICATI POCO O NIENTE E NON PERMETTERANNO DI ACCUMULARE PUNTEGGIO EXTRA

7 IL LONGBOARD SURFING TRADIZIONALE PARAGONATO ALLE ATTUALI TECNICHE DI SURFING INNOVATIVE: SICCOME LA PAGAIA PERMETTE DI FAR GIRARE TAVOLE LARGHE PUR MANTENENDO VELOCITA E POTENZA , RESTA INTESO CHE IL SUP SURF DEBBA ESSERE A LIVELLI DI COMPETIZIONE UNA BRANCA DEL SURF ED INTERPRETATO COME STILE SHORTBOARD CONVENZIONALE. CAMMINARE SULLA TAVOLA O NOSE RIDING VERRANNO PRESI IN CONSIDERAZIONE SOLO IN DETERMINATI CASI ED IN RELAZIONE AL GRADO DI DIFFICOLTA’ O DI SEZIONE CRITICA DELL’ONDA

8 SE UN SUP SURFER NON RIESCE A SOSTENERE LA POSIZIONE STANDING DALL’INIZIO ALLA FINE DURANTE LA BATTERIA ( SIA IN TRANSIZIONE CHE IN SURFING) CIO’ SARA’ GIUDICATO COME USO IMPROPRIO DELLA PAGAIA E

QUESTO COMPORTERA’ LA VOTAZIONE DI GIUDIZIO MEDIO PER LA SUA MIGLIORE PRESTAZIONE.

9 PRECEDENZA-IL SUP SURFER PIU’ VICINO AL RICCIOLO DELL’ONDA O AL CENTRO DEL PICCO HA PRECEDENZA INCONDIZIONATA SU QUELL’ONDA UNA VOLTA QUESTI ABBIA INIZIATO A PAGAIARE O GIRARE IN UNA PRECISA

DIREZIONE O CON UN ANGOLO DOMINANTE DALLA SUA POSIZIONE A QUELLA DEL POINT BREAK.

10 REGOLA PER L’INTERFERENZA – NESSUN SURFER PUO’ INTERFERIRE CON IL SURFER CHE SI TROVA IN PRECEDENZA SULL’ONDA. IL SURFER CHE COMMETTA INFRAZIONE VERRA’ PENALIZZATO CON LA CHIAMATA DI INTERFERENZA SE LA MAGGIORANZA DEI GIUDICI AFFERMERA’ CHE IL SURFER CON DIRITTO DI PRECEDENZA HA AVUTO OFFUSCATA LA POSSIBILITA’ DI TOTALIZZARE PUNTEGGIO DALLA PRESENZA DEL TRASGRESSORE SULL’ONDA OPPURE CREANDO UNA SITUAZIONE DI OFFUSCAMENTO OCCUPANDO MOMENTANEAMENTE UNA SEZIONE DELL’ONDA CHE IL SURFER CON

DIRITTO DI PRECEDENZA STAVA USANDO O AVREBBE USATO PER TOTALIZZARE PUNTEGGIO. I SURFERS POSSONO UTILIZZARE LA STESSA ONDA ANDANDO ELLA STESSA DIREZIONE O IN DIREZIONE OPPOSTA.,MA NON OFFUSCANDOSI L’UN L’ALTRO.L’INTERFERNZA VERRA’ CHIAMATA SE AFFERMATO CHE UN SURFER AVEVA

PRECEDENZA SULL’ALTRO COME DA GIA’ CITATO NEGLI ESEMPI SOPRA.

11 PENALIZZAZIONE PER INTERFERENZA- IL SURFER TRASGRESSORE VERRA’ PENALIZZATO CON LA RIDUZIONE DEL 50% DELLA SUA MIGLIORE SECONDA PRESTAZIONE CONSIDERATA PER IL CONTEGGIO DEL PUNTEGGIO FINALE ALLA

FINE DELLO SVOLGIMENTO DELLA BATTERIA

12 UOMINI DI OCEANO: GLI ATLETI DOVREBBERO MOSTRARE SEMPRE LA MIGLIORE ETICHETTA NELL’ACQUA, AD ESEMPIO LASCIARE SEMPRE LA PRECEDENZA AL SURFER CON DIRITTO,RISPETTARE ED PORTARE ATTENZIONE AGLI

ALTRI COMPETITORS SOPRATUTTO DURANTE LE SITUAZIONI DI GARA

CRITERI PER EMETTERE PUNTEGGIO

I GIUDICI PRENDERANNO IN CONSIDERAZIONE I SEGUENTI ASPETTI QUANDO EMETTERANNO PUNTEGGI 1 IMPEGNO E GRADO DI DIFFICOLTA’

2 VELOCITA’ POTENZA E FLUIDITA’ 3 MANOVRE INNOVATIVE E RIVOLUZIONARIE

4 DIMOSTRAZIONE DELLE PIU’ IMPORTANTI MANOVRE 5 ROTAZIONI DELLA TAVOLA DIFFICILI ED IN FLUIDITA’

6 DIFFERENTI MANOVRE BISOGNA PRECISARE CHE A SECONDA DELLA LOCATION O DELLA DIFFERENTE CONDIZIONE DURANTE LO

SVOLGIMENTO DELLA GARA ALCUNI CRITERI POTRANNO ESSERE ANCHE ENFATIZZATI

SCALA DI VALUTAZIONE

0.0 -1.9 =

2.0-3.9 =

4.0-5.9 =

6.0-7.9 =

PESSIMO SCARSO MEDIO BUONO

8.0-10.0= ECCELENTE

I PUNTEGGI POTRANNO VARIARE A SECONDA DELLO SPOT DI SVOLGIMENTO DELLA GARA E DELLE SUE CONDIZIONI E

QUINDI IN CONSIDERAZIONE DEL GRADO DI DIFFICOLTA’ E DIMENSIONE DELL’ONDA. I GIUDICI UTILIZZERANNO LA FORMULA 75%-25% IL SURFER POTRA’ RAGGIUNGERE AL MASSIMO IL 75 % (7,5PUNTI) DEL PUNTEGGIO DELLA SCALA SURFANDO MODERNO O TRADIZIONALE,IL RESTANTE 25%(2,5 PUNTI) SARA’ AGGIUNTO

QUNADO I DUE ASPETTI SARANNO COMBINATI. LE MANOVRE INCOMPLETE NON SARANNO CALCOLATE

TAG: ,

Commenti
Potrebbe interessarti anche...