Skin ADV
Articoli | 13 luglio 2011

Il Surf Pensiero di Michele Rizzi

Michele Rizzi, Architetto, Artista e pure Surfista con un Pensiero del Surf tutto suo…

Michele Rizzi è un architetto surfista di Torino con abbastanza anni di surf sulle spalle da aver maturato uno suo personale pensiero riguardo alla nostra passione comune. Dedito al surf e ad altre forme espressive, Michele ha sintetizzato il suo Surf Pensiero in un primo libretto, a cui ne seguirà col tempo uno più corposo. Nel frattempo abbiamo fatto due chiacchiere con lui per avere qualche informazione in più.

 

 

Puoi farci una panoramica su Michele Rizzi?

Sono un amante del mare ed un surfista da sempre da quando a 5 anni mi buttavo per ore tra i risacconi a riva. Il surf vero e proprio con la tavola l’ho poi praticato dall’eta di 19 anni e tutt’ora continua ad appassionarmi e divertirmi (ora ne ho 40).
Ho viaggiato (Canarie, Francia, Spagna, California) ma non troppo, non sono un gran viaggiatore, forse perché dotato di una buona fantasia non ho bisogno di vivere per forza nel mondo reale. Trovo comunque maggior gratificazione a surfare nel mediterraneo. Trovo che sia una magia partire da casa con la nebbia e passare una splendida giornata in liguria tra le onde.
Sono un convinto short boarder anche se l’età inizia a farsi sentire.
L’arte è l’altra mia grande passione, oltre al surf, arte intesa come godimento nel creare e nel godere delle creazioni altrui.
Da quanti anni “pastrocchi” con la surf art?

Sono un architetto per formazione e professione ed un artista per passione, amo scolpire e dipingere. Faccio Surf Art da circa 20 anni, ma seriamente ed in modo professionale da circa 7 anni.
Amo dipingere ad olio con le spatole. Si perde qualcosa in termini di precisione ma si guadagna in emozione. Ultimamente sono preso per i quadri creati con i ritagli di riviste surf che assemblo sulle tele cercando contrasti ed affinità di colori e significati, e amalgamo il tutto dipingendoci sopra.
Si tratta di Surf Art anche perché si cavalca l’onda creativa che dura circa un’ora e alla fine quello che non esisteva ora c’è e ti chiede di portarlo a compimento.

 

Che relazione trovi tra arte e surf?

Surf Art per me non è solo fare un quadro a tematica surf, ma è anche vivere la vita con una filosofia surf. Con questo non voglio dire scimmiottare i surfisti e la cultura surf d’oltre oceano ma seguire gli insegnamenti e apprezzare i doni che il mare e la natura ci da quotidianamente e soprattutto sfruttare al meglio qualsiasi possibilità e dono che la vita ti da.
Proprio come il surfista sfrutta la sezione dell’onda ripida per generare velocità in attesa di esplodere una manovra potente.

 

Ritieni che la surf art in Italia sia sufficientemente compresa oppure manca ancora quella cultura surf necessaria affinchè ciò sia possibile?

La Surf Art è per me l’arte contemporanea che interpreta e rappresenta il surf e tutto il suo corollario di parole, significati, azioni e oggetti. Inoltre non può essere rilegata alla pittura ma allargata alla fotografia al video, al cinema, alla musica ed alla scrittura.
Ogni mezzo può essere utilizzato ed ibridato.
La surf Art  in Italia è poco conosciuta è ciò a mio avviso a causa di una serie di fattori: Il bacino limitato di utenti surfisti in un paese come il nostro, il limitato livello di conoscenza dell’arte e quindi difficoltà di comprensione anche della surf art e l’utilizzo inesistente di artisti nazionali per l’ideazione e la realizzazione di campagne pubblicitarie, gadgets, grafiche e tutto quello che può essere
l’utilizzo della surf art nel campo commerciale ed editoriale del settore.

 

 

A proposito, invece, del Surf Pensiero cosa puoi dirci?

Surf pensiero è tutto questo ed è anche voglia di cimentarsi con la scrittura, di far ridere e far pensare i surfisti e non. Dopo aver cercato di trasmettere il mio amore per il surf con le arti visive voglio provare a concludere l’opera con la parola ed il pensiero che ne scaturisce.
Il libricino “Surf Pensiero” è inoltre un work in progress destinato ad ampliarsi e diventare un libro che intendo pubblicare appena finito.

 

 

Come si evolverà il surf pensiero nel libro finale?

“Surf Pensiero” è tutto quello che ho pensato, maturato è vissuto nei miei primi 20 anni di surf. Sono appunto pensieri che hanno come filo conduttore il Surf ma spaziano enormemente nei vari capitoli. Si può trovare al suo interno un saggio semiserio sulla parte pratica del cavalcare le onde, un racconto di qualche episodio divertente raccontato con il sarcasmo e l’auto ironia che non mi mancano, piccole constatazioni filosofiche maturate con il surfare e in qualche raro caso sfiorare la poesia nel cercare di spiegare emozioni che noi surfisti proviamo nella pratica di questo meraviglioso gioco.
Quando riterrò abbastanza in termini di quantità e qualità il materiale cercherò di pubblicare il libro.
Ottimismo a manetta!! E quando arriverà l’onda grossa posso solo remare con tutta la vita che mi rimane.

 

 

 

 

 

 

 

TAG:

Commenti
Potrebbe interessarti anche...

P A U S E

Pausa pranzo tra sud ovest della Francia e Indonesia con Bruno Degert    

Roberto D’Amico Back to Quemao Class

Roberto D’Amico torna a Lanzarote per il Quemao Class insieme ai migliori tube rider…

Ufficiale: Leonardo Fioravanti farà il WCT

La battaglia per la qualificazione al WCT è finita e la lista dei top 10 QS ben delineata…

60” Edoardo Papa November Ep. 1

Edoardo Papa si racconta in un nuovo progetto video in quattro episodi stagionali. 60 seco…

Eddie Would Go. And The Eddie Will Go

Inizia con la classica cerimonia di apertura il waiting period della 32^ edizione del Quik…

Il Fascino Discreto della Bora

Fare surf in Adriatico con la bora in una giornata invernale è quasi proibitivo ma ha se…

Leo Fioravanti a Nias. Epic Bonus Track

Leonardo Fioravanti nella session epica a Nias attraverso la lente di Alessio Saraifoger. …

Eddie Will Go: annunciati gli invitati

Il Quiksilver Eddie Aikau Big Wave Invitational si farà. Annunciata la lista degli invita…

Leonardo Fioravanti Lost in Papua

Leo Fioravanti e Josh Moniz si sono immersi nelle onde e nella cultura della più remota …