News

Andy Irons R.I.P.

Apprendiamo una triste e scioccante notizia: a 32 anni si è spento il tre volte campione del mondo ASP Andy Irons. La notizia della morte è appena trapelata e sta facendo il giro del mondo in poche ore. Non è ancora stato rilasciato un comunicato stampa ufficiale nè sono note le cause della morte.

Il 3 volte campione del mondo Andy Irons, 32 anni, è morto fra l’1 ed il 2 novembre 2010. Nell’attesa di un comunicato che diffonda i dettagli dell’accaduto è stato reso noto che Irons stava tornando a casa dal Rip Curl Pro in Puerto Rico dopo aver contratto la febbre “Dengue”, nota anche come febbre emorragica, poco dopo il suo arrivo.

I piani di Irons erano di tornare a casa per curarsi e poi ripartire in tempo per l’imminente Triple Crown, ma durante uno degli scali a Dallas è stato troppo ammalato per proseguire il viaggio in aereo. Voci non confermate riportano che apparentemente sia deceduto mentre si trovava solo nella sua stanza d’albergo di Dallas.

La news shoccante è subito giunta alla sua isola di Kauai HI per poi diffondersi velocemente in tutto il mondo e rimbombare in tutto il mondo del surf. Andy Irons è stato da sempre il più grande rivale di  Kelly Slater e lo ha ispirato a ritornare nel circuito dopo il suo ritiro del 2003. Aveva iniziato la sua carriera nel Tour nel 1998 collezionando poi 20 vittorie ASP, 4 Triple Crown, 3 titoli mondiali consecutivi. Irons è stato un vero campione e il suo approccio al surf ha dato un’impronta decisa allo sport.

Qui una video-intervista, sottotitolata in italiano, che abbiamo realizzato durante la visita di Andy Irons in Italia la scorsa estate.

 

Mentre ASP e Billabong non diffondono alcuna notizia in merito, la morte di Andy Irons è stata confermata dai suoi familiari a Surfer Magazine. Andy lascia la moglie Lyndie e il loro primo figlio non ancora nato.

46 thoughts on “Andy Irons R.I.P.

  1. mirco Reply

    Nella mia vita ho avuto la fortuna di vederti sorridere di persona!!! Sei un GRANDE del surf e lo resterai per sempre. Un abbraccio ovunque tu sia. Grazie. Ola Andy.

  2. The Mariotti... Reply

    R.I.P. Andy…la droga è una brutta bestia…non è riuscito a sconfingerla…e se lè portato con se…(e non una febbre emorargica “ultime notizie certe che hanno trovato molte pasticche di metadone nella sua camera di albergo” e che hanno aggravato la causa del suo decesso ancora da definire)..cerchiamo di prendere il fatto come esempio…
    Aloha…

  3. Alle B. Reply

    …lacrime di commozzione con un mix di tristezza nel profondo, l\’ennesimo campione e\’ volato in celo e con lui tutti i bei ricordi ke ci ha lasciato in questi innumerevoli anni di SURF..
    Ho cominciato a surfare quand\’ero ancora un ragazzino di appena 17 anni ed ora ke anch\’io ho la tu stessa eta\’ ANDY, posso solo immaginare come si possa sentire tua moglie la quale a Dicembre partorira\’…esatto xke anch\’io come te sto x diventare padre.
    Addio mio EROE…..un futuro padre come te

  4. MARC O Reply

    Grande persona prima che grande surfer.Trasmetteva tutto cio’ che c’e’ di bello in questo sport e nella vita.Un esempio da ricordare sempre

  5. Manuele Marcelletti Reply

    Notizia tristissima, auguriamo tanta forza alla sua famiglia, soprattutto alla moglie ed al figlio che nascerà. Rispetto per un grande sportivo!

  6. HAWAII a RIO Reply

    Quante volte ti abbiamo visto uscire in spalla dall’acqua portato in trionfo…………..e’cosi’ che ti vogliamo ricordare io e il mio big boy.Ciao grande IRON x sempre nell’olimpo di chi ci ha emozionato in vita!!!

  7. bedz Reply

    incredibile !!!! ma negli usa non c’era nessuno che potesse curarlo ???
    che dispiacere sembrava un problema che poteva essere risolto !!

  8. FILZ Reply

    ….sono sconcertato, non posso credere ke uno sportivo come te, con il tuo fisico e con il tuo cuore se ne sia andato così…in punta di piedi…R.I.P. Andy

    SURFERS RULEZ!!!

  9. tascio Reply

    sembra impossibile.
    un guerriero , il piu’ grande di tutti i tempi insieme a kelly
    UN ISPIRAZIONE PER TUTTI NOI DELLA TRIBU’ .grande ANDY

  10. Freedom Is Better Reply

    Rimasto shoccato…R.I.P. campione piacere di averti incontrato anche per qualche minuto e soprattutto grazie per averci fatto vedere chi eri!!!!

  11. Marcy Reply

    Andy sono rimasto senza parole appena ho saputo queste sono le cose che mi fanno più rabbia della vita e per questo che penso che bisogna godersela il più possibile.ci mancherai fratello spero ci siano belle onde la su

  12. alessandro di spirito Reply

    sono scioccato, l\’ho conosciuto poco e ne ero rimasto impressionato per quanto l\’immagine che dai video ci veniva comunicata fosse dissimile da quella che mi sono fatto nell\’oretta in cui è stato a Santa… un ragazzo come noi ,sicuramente un atleta professionista, ma bastava parlare un secondo di onde che vedevi crescere una luce negli occhi, dai video vedi un dio del mare impavido ma in realta è solo un ragazzo con un coraggio ed una volonta assoluti a spingersi oltre ogni limite e in ogni condizione, solo una malattia infame poteva prenderselo.. che tristezza

  13. VELVETWAVE Reply

    Anche se sono solo 3 anni che sono nel mondo del surf sono rimasta scioccata. Proprio questo lunedì commentavo con un’altro surfista come era stato emozionante farmi firmare la mia prima short da lui a Bogliasco quando era venuto qua in Italia, l’emozione di avere parlato con un grande surfista.
    Aloha Andy!

  14. whip Reply

    Sembra assurdo che uno come lui se ne sia andato così. Quando ho appreso la notizia ho subito pensato ad un brutto wipe out, o al massimo ad un incidente stradale… Mi fa un effetto strano. Forse perché è il primo GRANDE surfista del quale vengo a sapere la morte in diretta… Certo mi era dispiaciuto anche per eddie aikau. Ma era una notizia ormai vecchia, di parecchi anni prima, non sapevo neanche cosa fosse il surf quando mori. Andy invece mi ha profondamente toccato, anche perche, chissa come mai, l’altro ieri mi ero letto una sua intervista su un vecchio surf session. Goodbye andy

  15. roberto Reply

    …avendoti conosciuto, anche se per poche ore, e avendo apprezzato le tue qualità umane oltre che quelle di atleta, non riesco ancora a crederci…

  16. lufus Reply

    incredibile….era riuscito a tornare a grandi livelli… aveva appena vinto theaupoo…sembra uno scherzo…azz..mi dispiace…grande andy…

Rispondi a bedz Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
25 × 25 =


INSTAGRAM @SURFCORNER #SURFCORNER