Skin ADV
News | 4 ottobre 2010 5 commenti

Alluvione a Varazze
Ponente Ligure In Tilt

Le forti piogge che insistono da ieri sera sul Ponente Ligure hanno provocato allagamenti sul Savonese, in cui la situazione è critica. Varazze e Celle Ligure le zone particolarmente colpite.

 

Varazze, foto courtesy Davide “Trilli’s World”

 

A celle ligure è straripato il rio Arzocco e si teme anche per la piena del fiume Teiro, che scorre proprio a Varazze. Per motivi di sicurezza è stata ordinata l’evacuazione dei piani bassi dei palazzi.

E’ iniziata alle prime ore del mattino nel Savonese e si è estesa rapidamente a tutta la regione, con conseguenze pesanti, la violenta ondata di maltempo che si sta abbattendo sulla Liguria con forti pioggie, vento, mare grosso e corsi d’acqua straripati.

Varazze, foto courtesy Davide “Trilli’s World”

 

Numerosissime le chiamate ai Vigili del Fuoco per liberare scantinati e garage dall’acqua. Al momento risulta allagata una vasta area a ridosso della stazione ferroviaria, con locali allagamenti anche lungo i binari. I fulmini che hanno accompagnato i forti temporali sono stati inoltre la causa dei molteplici black-out che hanno interessato la zona nel corso della mattinata.

La viabilità risulta molto difficile se non critica lungo la strada che collega Varazze a Cogoleto ed Arenzano per via di alcuni allagamenti dovuti all’esondazione dei torrenti Lerone e Arresta. 

Decine le macchine travolte e portate via dall’acqua, così come le case allagate. 

Varazze, foto courtesy Davide “Trilli’s World”

 

TAG:

Commenti

5 Commenti a Alluvione a Varazze
Ponente Ligure In Tilt

  1. volevo fare una piccola correzzione…il rio arzocco è sito a varazze ed affluisce appunto nel teiro. ciao

  2. Da anni ,e lo abbiamo purtroppo visto ripetersi in questi giorni, complici anche i cambiamenti climatici, in tutta Italia passiamo da periodi di siccita’ ad improvvise e devastanti esondazioni dei nostri corsi d’acqua, da anni, la Protezione Civile Italiana ,seppur sia riconosciuta da tutti anche all’estero come la migliore del mondo,non ha i mezzi adatti per intervenire efficacemente e velocemente in tali situazioni.

    Da anni infatti si interviene principalmente con sacchi di sabbia e quindi i mezzi a disposizione degli operatori per far fronte a tali eventi sono scarsi, inefficaci, e faticosi nella loro messa in opera in più data la loro lentezza di esecuzione ,in caso di emergenza, non c’e’ mai il tempo necessario per creare una efficace barriera all’acqua con conseguenze disastrose e molto costose in termini economici.

    AQUADIKE è una barriera antiesondazione componibile temporanea che sostituisce i vecchi sacchetti di sabbia, è facile e rapida da posizionare in più è riutilizzabile ed interamente riciclabile .

    http://www.aquadike.com

    Aquadike è un sistema antiesondazione composto da moduli in robusto e riciclabile polietilene che si incastrano longitudinalmente uno con l’altro che consentono di formare lunghe e solide barriere di protezione in grado di adattarsi alla configurazione del terreno.

    Aquadike è pensato per essere utilizzato da chiunque e riutilizzato più volte e garantire sempre la stessa tenuta ed efficacia, la messa in opera, essengo “guidata” da incastri assicura all’operatore anche meno esperto o attento , la massima tenuta.

    Aquadike si posa in opera senza alcuna infrastruttura in alveo, il peso ridotto dei moduli permette un’agile movimentazione e richiede un esiguo numero di persone che in poco tempo possono così erigere una efficace barriera all’acqua.

    Aquadike a fine emergenza è rapido da svuotare e smontare ed è subito pronto per un’altro intervento.

    I mezzi dunque ci sarebbero, per intervenire con più velocità ed efficienza, si potrebbe dare maggior sicurezza ai cittadini, ma….sembra non interessare a nessuno o meglio, tutti corrono, si candalizzano e cercano di intervenire limitando i danni ma, passata l’emergenza tutti si dimenticano , non si attrezzano adeguatamente per le prossime inevitabili emergenze e così facendo si procurano danni e disagi notevoli ai cittadini ,si mobilità un infinità di soccorritori, si pagano milioni di euro di risarcimenti e tutto continua esattamente come prima.

    distinti saluti
    Giorgio

  3. Oggi con onde bruttine, gonfie di scirocco in un mare marrone come il fango come quello che ricopre Varazze, con gente che ovunque si da da fare per tirare su la testa e provare a salvare il salvabile, ci sono sette o otto persone a surfare alla secca. Ma non si vergognano?

  4. renderi per il collo la persona sorda che non ha ascoltato anche un unico cittadini che ha espresso dubbi sulla stabilità di certe zone, e non è stato ascoltato, ed ecco la srase che piace tanto ai politici assessori comunali regionali ecc. ecc. PURTOPPO ERA UNA TRAGEDIA ANNUNCIATA, queste frasi ci prendopno continuam…ente per il k……Domanda, in tutti questi danni sparsi per tutta l’Italia, non ho mai sentito una notizia del genere, “alluvionata o spaccata da una frana la casa del politico…… assessore….. sindaco…..ecc….ecc. come mai? Bruna Rossi

  5. Buongiorno, esistono vari sistemi di barriere antinondazione mobili, di cui alcune già utilizzate, anche durante eventi alluvionali purtroppo ancora in Liguria e non solo in esercitazioni
    http://www.youtube.com/watch?v=dSJScEraR80.
    Le varie Protezione Civili in giro per il paese però non ne sono tutte dotate…. ed aspettiamo ancora un altro evento per spendere più soldi nel dopo emergenza che nella prevenzione??!!
    Altre informazioni su
    http://bigbag.palovit.it
    http://www.noaq.com
    Saluti e complimenti per la divulgazione di nuove tecnologie

Potrebbe interessarti anche...