News

Slater vince il sesto titolo al billabong pipeline masters

Surfcorner.it – Alla fine Slater ha chiuso il suo migliore anno agonistico in bellezza e con un altro record. Dopo il titolo mondiale, vince infatti anche il titolo di Pipeline Masters, il suo sesto titolo e la sua sesta vittoria dell’anno. Ancora una volta, una questione di coincidenze numeriche, come il nono titolo vinto al nono stop del tour e così via…

Slater è arrivato in finale al Pipeline Masters 10 volte su un totale di 17, vincendo nel 92, 94, 95, 96, 99 prima di quest’ultima vittoria, che arriva a distanza di 9 anni dopo la sua ultima corona di Pipeline nel 99. Ancora numeri.

“La mia stagione è tutta una questione di 9” ha ammesso Slater. “Vincere questo evento nove anni dopo… avevo bisogno di un nono posto, nella nona tappa del tour per ottenere il mio nono titolo mondiale ASP, è pazzesco.”

La finale si è svolta su onde di 8-10 piedi in un Pipeline dal colore insolito. Slater ha battuto Chris Ward per 14.00 a 7,23 nella prima finale uomo a uomo tenuta negli ultimi otto anni a Pipeline. Proprio in finale, le onde si sono rovinate impedendo ai due atleti di mettere in piedi un serio spettacolo per il pubblico. Nelle tre heat precedenti Slater aveva infatti chiuso con punteggi più che ragguardevoli di 19.00, 18,63 e 19.40 su un massimo di 20.

“E’ un peccato che nella finale le onde non siano migliorate” ha dichiarato Kelly, “Siamo qui per dare spettacolo, e al massimo abbiamo regalato qualche bel wipe out. Nella finale non c’erano tante onde belle, ma sono riuscito a prendere quelle buone. Era ora che Ward avesse un buon risultato come questo, è uno dei migliori tube riders al mondo.”

La finale di ieri di Chris Ward è infatti la secondo degli ultimi 4 anni in ASP. Il californiano aveva fatto la finale in Gold Coast nel primo evento del tour 2005, finendo anche lì secondo. Con il risultato di oggi risale dal 27esimo al 14esimo posto in classifica, garantendosi così un posto nel Dream Tour 2009.

“Ho finito l’anno meglio dell’anno scorse mi sarebbe piaciuto vincere la finale, ma Kelly ha preso tutte le onde buone” ha detto Ward.

Se Ward avesse vinto la finale, avrebbe vinto anche la Triple Crown, che è andata invece a un altro australiano come l’anno scorso, Joel Parkinson. Lo scorso anno infatti la Corona era stata vinta da Bede Durbidge, diventato il primo australiano a vincerla dopo Mike Rommelse nel 1997.

“Sono arrivato secondo per due volte alla Tripla Corona” ha detto Parko. “Andy l’ha vinta al posto mio per due volte, quindi non volevo succedesse di nuovo. E’ incredibile portarla finalmente a casa.”

La heat del giorno è stata però la semifinale di Slater contro Tim Reyes, dove Tim ha subito postato un 9.10 con un tubo profondo a sei minuti dalla fine, mettendo Slater in bisogno di una combinazione di due onde per passare. In perfetto stile Slater, il pluricampione ha preso due onde da 9.00 e 10.00 nell’arco di tre minuti, vincendo la heat.

Concluso così l’anno ASP, gli atleti dal primo al 27esimo posto in classifica si riqualificano per il 2009.

Top 10
Kelly Slater (USA), Bede Durbidge (AUS), Taj Burrow (AUS), Joel Parkinson (AUS), C.J. Hobgood (USA), Adrian Buchan (AUS), Adriano de Souza (BRA), Mick Fanning (AUS), Bobby Martinez (USA) Jeremy Flores (FRA).

11-27
Luke Stedman (AUS), Fredrick Patacchia (HAW), Andy Irons (HAW), Chris Ward (USA), Kai Otton (AUS), Tim Reyes (USA), Tom Whitaker (AUS), Kieren Perrow (AUS), Dayyan Neve (AUS), Bruce Irons (HAW), Mikael Picon (FRA), Dane Reynolds (USA), Taylor Knox (USA), Damien Hobgood (USA), Heitor Alves (BRA), Jordy Smith (ZAF) Ben Dunn (AUS).

Top 15 WQS qualificati per il WCT 2009
Nathaniel Curran (USA), Chris Davidson (AUS), Michel Bourez (PYF), Gabe Kling (USA), Jihad Khodr (BRA), David Weare (ZAF), Josh Kerr (AUS), Nic Muscroft (AUS), Kekoa Bacalso (HAW), Greg Emslie (ZAF), Tim Boal (FRA), Dustin Barca (HAW) Tiago Pires (PRT), Phillip MacDonald (AUS) Drew Courtney (AUS).

Wild Card 2009
Le tre wild card per il 2009, decise insieme all’unione dei surfisti e assegnate per infortunio sono: Dean Morrison (AUS) Aritz Aranburu (EUK) e il numero 16 del WQS Marlon Lipke (DEU).

I ranking completi su: www.aspworldtour.com/2008ratings

Billabong Pipeline Masters Final Results:
Final: Kelly Slater (USA) 14.00 def. Chris Ward (USA) 7.23

Billabong Pipeline Masters Semifinal Results:
Heat 1: Kelly Slater (USA) 19.00 def. Tim Reyes (USA) 15.60
Heat 2: Chris Ward (USA) 16.46 def. Adrian Buchan (AUS) 10.16

Billabong Pipeline Masters Quarterfinal Results:
Heat 1: Tim Reyes (USA) 16.17 def. Luke Stedman (AUS) 6.67
Heat 2: Kelly Slater (USA) 18.63 def. Jamie O’Brien (HAW) 11.84
Heat 3: Adrian Buchan (AUS) 14.33 def. Kamalei Alexander (HAW) 2.67
Heat 4: Chris Ward (USA) 8.06 def. Andy Irons (HAW) 7.43

Billabong Pipeline Masters Round 4 Results:
Heat 1: Luke Stedman (AUS) 12.20 def. Marcus Hickman (HAW) 12.67
Heat 2: Tim Reyes (USA) 12.66 def. Joel Parkinson (AUS) 11.83
Heat 3: Kelly Slater (USA) 19.40 def. Kieren Perrow (AUS) 7.96
Heat 4: Jamie O’Brien (HAW) 10.33 def. Aritz Aranburu (EUK) 6.67
Heat 5: Adrian Buchan (AUS) 15.77 def. Tom Whitaker (AUS) 11.56
Heat 6: Kamalei Alexander (HAW) 10.17 def. Adriano de Souza (BRA) 14.33
Heat 7: Chris Ward (USA) 13.43 def. Bede Durbidge (AUS) 9.56
Heat 8: Andy Irons (HAW) 17.83 def. Evan Valiere (HAW) 8.43

Final Vans Triple Crown of Surfing Ratings:
1. Joel Parkinson (AUS) 5,500 points
2. Dusty Payne (HAW) 5,363 points
3. Tom Whitaker (AUS) 5,250 points
3. CJ Hobgood (USA) 5,250 points
3. Chris Ward (USA) 5,250 points

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
28 − 1 =


INSTAGRAM @SURFCORNER #SURFCORNER