Articoli

Il dream tour cambia format

Surfcorner.it – Dal 2009 l’ASP introdurrà un nuovo format alternativo che potrà essere utilizzato negli eventi del World Tour.

Accanto al tradizionale format con 48 atleti, si potrà cioè decidere di usare un format alternativo così strutturato: due round d’apertura con eliminazione diretta uomo a uomo. Il primo round sarà formato da 32 surfisti: quelli dal 17esimo al 27esimo posto nel ranking, 3 wild card per infortuni, i top 15 del ranking WQS e 3 wildcard assegnate per l’evento.

Gli abbinamenti saranno gli stessi del format tradizionale, con il numero 17 che si scontrerà con il numero 32 nella heat numero 8, il numero 18 contro il 31 nella heat 9 e così via. Dopo il primo round, tutti i rimanenti competitori saranno riabbinati per competere nel secondo round.

I top 16 del ranking ASP partiranno direttamente dal secondo round, dove si scontreranno con i 16 vincitori del primo round.
I top 10 risultanti dal Dream Tour dell’anno precedente avranno garantito l’accesso al secondo round per tutto l’anno, mentre i 6 atleti successivi nel ranking devono mantenere la loro posizione e possono essere sostituiti da altri atleti nei top 32 che siano risaliti in classifica a partire da dopo il terzo evento del calendario. Questo significa che i top 16 nel 2009 rimarranno invariati fino al Billabong Pro a Teahupoo.

Dopo Tahiti infatti, solo i top 10 dell’anno precedente manterranno il loro posto, e questo sarebbe un incentivo a partecipare al contest in Brasile e a Pipeline, mentre i successivi 6 possono essere sostituiti, da chi nei trop 32 sia risalito in classifica.

Il nuovo formato è già stato adottato dal Billabong Pro Teahupoo, il Billabong Pro Jeffreys Bay, il Billabong Pro Mundaka ed il Billabong Pipeline Masters.

Il Quiksilver Pro Gold Coast, evento d’apertura del Tour, ha scelto il formato tradizionale, mentre Rip Curl non ha ancora deciso quale format utilizzare a Bells Beach e per il The Search.

Sul nuovo format si sono espressi il presidente ASP Wayne “Rabbit” Bartholomew, il campione del mondo 2007 Mick Fanning, il campione del mondo 2001 C.J. Hobgood.

Quali sono le ragioni dell’introduzione di un format alternativo nel 2009?

Rabbit: Avevamo bisogno di poter scegliere un format che si adattasse ai bisogni del tour. Il format corrente richiede 4 giorni per completare l’evento. Ciò non sembra un problema, con un waiting periodo di 12 giorni, ma nonostante questo occorrono sempre 2 cicli di swell per competere con onde di qualità e questo richiedeva un lasso troppo lungo. Questo ci permettere di ridurre a tre giorni il tempo necessario.

Mick Fanning: Credo che qualcuno ritenesse una perdita di tempo il fatto di disputare il primo round con heat da tre atleti, e qualche volta non si riesce a finire l’evento con onde buone. Il nuovo format renderà tutto più eccitante fin dalla prima heat.

CJ: Penso che usufruire delle onde migliori nel periodo di gara sia la ragione primaria di questo format alternativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
26 + 24 =


INSTAGRAM @SURFCORNER #SURFCORNER