Articoli

Da kine junior & girls smith challenge: arriva il futuro!

“Il passato non torna Bear” così recita una famosa, drammatica frase di “Un Mercoledì da Leoni”. Ed è proprio il Tempo – il Passato, il Presente, il Futuro – che potrebbe essere il segno distintivo di questa edizione 2008 del Da Kine Junior & Girls Smith Challenge, la gara dedicata alle categorie ritenute le promesse del surf, i più giovani appunto, e le donne.

Nei giorni immediatamente precedenti il contest, nessuno, ma veramente nessuno, avrebbe scommesso un euro sulle condizioni atmosferiche favorevoli. Ci si aspettava pioggia e ventone, invece, l’ottimismo e la corretta lettura delle previsioni da parte dell’organizzazione ci offrono una bella giornata, con un mattino caldo di sole e onde lisce, perfette per iniziare le heat. L’atmosfera è la solita, ogni macchina che arriva sballottolando sullo sterrato di Banzai scarica una marea di ragazzini e donzelle e un numero imprecisato di tavole e mute.

Il Contest Director Alessandro Marcianò, coadiuvato dal suo braccio destro e responsabile logistico Danilo Conte, ci accoglie con un bellissimo palco, tanti stand, musica e fresche bibite Bio Champion per tutti distribuite dalla bella Laura. Presenti gli atleti di punta di tutte le categorie, più alcuni nomi nuovi, alcuni dei quali, bella sorpresa, andranno avanti nel contest.

Il Capo Giudici Marco Gregori organizza la giuria, numerosa e professionale. Si alternano in postazione i giudici Toni Di Risceglie, Umberto Calipari, Roberto Bersani, Andrea Bonfili e il simpaticissimo sardo Luca Pilloni – in arte “Onò?”. Immancabili, stavolta numerosi, i tirocinanti: Massimiliano Muzio, Mario Lombardi, Alessio Guain, Fabio Carroccia. Addetto al tabellone e schede il solito affidabile Stefano Rosignoli del Santa Marinella Surf Club.

Atleti dalle più “blasonate” regioni surfistiche italiane, Toscana, Lazio, Liguria, Sardegna. Partono gli under 15, che già dalle prime heat lasciano intravedere un surf divertente e di buon livello. Dalla scrematura dei primi turni si qualificano in semifinale Vasciaveo, D’Amico, Pacitto e Geracitano nella prima e “Stankovic” – Stawoczyk, Profili, Fioravanti Leo e Giorgi nell’altra.
Mentre fotografo uno di questi “pischelli”, ecco avvicinarsi il padre. Ha un viso noto. Lo guardo bene ed è proprio lui, Pietro Pacitto. Leggenda nazionale del windsurf, un mito per molti di noi che negli anni 80 praticavamo il windsurf.

C’è ancora il sole quando entrano in acqua i primi under 18, ma alle 11 comincia ad entrare un po’ di vento. Nulla di fastidioso, l’onda è sempre di un metro e mezzo e il reef di Banzai è sempre uno dei migliori d’Italia. L’onda si apre bene fino nell’inside e il livello è altissimo, si vedono alcuni atleti surfare con una maturità davvero eccezionale. Alle 12,30 il vento rinforza, proprio quando devono entrare in acqua le prime ragazze, lo staff del club organizzatore si attiva per mettere in sicurezza il palco, e tutto procede.

Approfittando di questa fase avviciniamo qualche atleta per un commento. La prima è Valentina Vitale alla quale chiediamo se ha voglia di riscatto dopo aver perso il campionato italiano all’ultima gara. “Un po’ si, ma soprattutto mi voglio divertire, le onde sono buone e vanno benissimo per una gara”.

Poi è la volta di Simone Simi, protagonista l’anno scorso di una breve ma civile polemica con la giuria per un verdetto non del tutto condiviso. “Vado sempre ad una gara sperando di vincere” queste le sue parole “certo anche per partecipare, ma ci vuole la giusta motivazione”. Ha il giusto “caratterino” questo ragazzo.

Mentre Antonio Libbi, voce ufficiale del contest, continua i suoi commenti sulle heat, e lo spazio Indoboard gestito da Guido Virgulti è sempre preso d’assalto dai ragazzini, ecco passare Valentina “Enigma” D’Azzeo. “Voglia di confermare il risultato di Campionessa Italiana? In realtà ho più voglia di surfare sola dentro l’acqua a Banzai” Sorride e va via.

Il vento è più forte ora, gli atleti rabbrividiscono mentre consegnano le lycra alle Beach Marashall Elettra e Elisa. Poi all’improvviso di nuovo il sole, calo di vento e Banzai, come una signora vanitosa, mostra il suo sorriso più suadente.

Per la prima semifinale U.18 si qualificano Bonomelli, Montali, Modaffari, Guzzone. Nell’altra Simone Simi, Barria, Matteo Fioravanti e Inga.

Breve pausa pranzo con megaspaghettata per staff e giudici. Alessandro Marcianò chiama sul palco due ospiti di riguardo, Francesco Gulli, responsabile italia di DA Kine e Thomas Cravarezza, talent scout sempre per DA Kine e secondo in classifica nel ranking italiano Surfing Italia. “Complimenti per l’ottima organizzazione, e siamo molto impressionati dal livello in acqua, stiamo tenendo d’occhio qualche ragazzino…”

Intanto per le girls avanzano nelle semifinali a tre rispettivamente D’azzeo, Dalle Luche, Ronconi e Vitale, Bertolini, Mauri.

Condizioni ancora ottimali e partono le semifinali U.15. Bravissimi i ragazzini, spiccano su tutti, strappando applausi, Roby D’Amico, Stawowczyk, Vascianeo e Leo Fioravanti.

Ottimo il timing dell’organizzazione, e sono in acqua le semifinali U18.
Guzzone, local dell’Ideale di Civitavecchia, parte e mette la tavola verticale in back side sulla destra di Banzai. Risponde Bonomelli, che veloce e preciso sfrutta l’onda con molte manovre fino a riva. Sembra circoscritta a questi due la semifinale, e così sarà. Assisto a queste fasi di gara vicino a D’Amico, che applaude gli atleti in acqua e commenta con gli amici “Che belle onde ragazzi, proprio da gara. Roundhouse e via”. Forse studia per la finale.

L’altra semifinale è veramente equilibrata. Matteo Fioravanti, forte della conoscenza dello spot, sceglie le onde anche nell’inside, e passa. Passa anche Simone Simi, sempre convinto e deciso.

Ore 14,00 Semifinali donne, nella prima D’azzeo regola senza troppo sforzo le new entries Dalle Luche e Ronconi. Passa anche Dalle Luche, anche perché Ronconi prende un’onda e…brivido! Cade male sul ben noto e tagliente” reef di Banzai. Subito soccorsa da Marcianò e Conte e portata all’ambulanza della Croce Blu presente ad ogni gara. Alice Ronconi si tiene una spalla. Ma dopo poco viene di persona sul palco a rassicurare tutti “stavo “inzuccando” (facendo la duck dive ndr) e per tenere la tavola ho sforzato la spalla, è solo una contrattura”. In ogni caso la D’Azzeo, pur vincendo la heat, non ci pare trovare il suo solito ritmo. Nell’altra semi la lotta è più dura, prevale la “Sirenetta” di Ostia Valentina Vitale, nell’ordine, sulla toscana Mauri e su Elena Bertolini.

Finali U 15. Subito un super set, parte D’Amico in “buco” di due metri, uno, due, tre off “spaccalip”, e poi chiude fino nell’inside. La spiaggia è un tripudio. Otto e mezzo, grida la giuria. A due minuti dalla fine ancora D’Amico, veloce stacca il tail dall’onda chiudendo alla grande. Stravince. Secondo Leo Fioravanti, che sull’ultima onda parte e va fino all’inside stiloso, preciso, veloce. Ovazione dalla spiaggia. Si sente una voce “Quanti anni stò pischello?” – “Nove” – “Noveee?!”. Avete capito bene, nove anni. E fa i numeri.
Bravi anche Stawowczyk, già distintosi l’anno scorso, e Vascianeo dallo stile un po’ retrò.

Finale U18, se ne accorgono anche le onde, davvero all’altezza di un contest prestigioso. Primo set, partono tutti e quattro, urla, fischi, applausi. Il pubblico è incredulo. Che livello ragazzi! Superlavoro della giuria che deve giudicare atleti fortissimi. Bonomelli e Simi surfano in front side, Guzzone e Matteo Fioravanti in back. Punteggi altissimi, ancora un 8,5 per Bonomelli che quasi sale sul pontile tanto tira l’onda fino alla fine. Secondo il “local” Matteo Fioravanti, terzo l’aggressivo Simi, e quarto, con orgoglio, Gabriele Guzzone.
I “senatori” (Bonfili. Marcianò, Gregori, Staffa) presenti sul palco si guardano increduli per la bravura dimostrata dai ragazzi.

Subito in acqua le ragazze per la finale. D’Azzeo, già apparsa un po’ sotto tono in semifinale, non trova la concentrazione e Valentina Vitale surfa davvero bene in back side e vince sulla atletica e tonica Mauri, su D’Azzeo e sulla emergente Dalle Luche.
Al suono della sirena di fine heat scoppia la festa. Tutti in acqua. Il sole illumina un festival di off the lip, arial, tail slide, tubi, 360. Partono in molti sulla stessa onda con la gioia e la sfrontatezza dell’età. E’ uno spettacolo bellissimo. Sento Ale Marcianò che mormora “Le giovani leve dominano le onde di Banzai”.
I surfisti più grandi guardano la scena, sorridono e si guardano senza dire niente. Ecco perché il Tempo. Loro sanno di essere il presente, ma il futuro è in acqua…

Testo di
Giuseppe Grispello

Team Santa Marinella Surf Club
Ale Marcianò – Contest director
Danilo Conte – Ass. Contest director
Stefano Rosignoli – Tabulator
Peppe Grispello – Reporter
Elettra – Beach marshall
Laura – ass. Beach marshall
Antonio Libbi – speaker
K Beat – Resident Dj
Denny – visor

Judges Surfing Italia
Marco Gregori – Head judge
Roberto Bersani
Andrea Bonfili
Tony di Bisceglie – best judge
Umberto Calipari
Luca Pilloni

Photografers
Antonio Ronchini – Official photografer
Carletto Sarnacchioli – charlieisland.it
Daniele Mei – friend photografer
Antonio Muglia – friend photografer
Federico Santini – Video operator

Foto di Lorenzo Lofino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
29 + 17 =


INSTAGRAM @SURFCORNER #SURFCORNER