News

Headworx si fa portavoce della protesta contro la british

Surfcorner.it – Pochi giorni fa avevamo riferito della decisione della British Ariways di non caricare più, a partire dal 6 novembre, tavole da surf sui suoi voli in quanto troppo ingombranti (clicca qui per leggere la notizia), cosa che ha fatto insorgere la comunità surf internazionale.
Ora Headworx, noto marchio Australiano dell’industria surf, si fa portavoce della protesta, con la promessa di boicottare quanto più possibile i voli British, coinvolgendo i suoi impiegati e riders, che spesso usano BA per i loro spostamenti interni e internazionali.
La decisione della BA di non caricare più le tavole, e continuare invece a trasportate strumenti musicali voluminosi e attrezzature da golf ingombranti, è infatti discriminante nei confronti dei surfisti, che vengono così esclusi ingiustamente.
Headworx, che sponsorizza alcuni dei più grossi nomi di rider inglesi, collaborerà attivamente con la British Surfing Association per portare avanti la protesta.
L’impatto della decisione della BA è infatti rilevande, in quanto la compagnia controlla un’ampia fetta della Star Alliance Airline Network, e tale decisione potrebbe indurre anche altre compagnie a seguirla (in particolare quelle ad essa collegate e che operano alcune tratte in congiunzione con BA), con conseguenze disastrose per noi surfisti.

Si può firmare la petizione cliccando su questo indirizzo:
www.gopetition.com

www.headworx.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
24 × 20 =


INSTAGRAM @SURFCORNER #SURFCORNER