EventiReportVideo

Ecco i Nuovi Campioni Italiani Juniores

I grommet hanno dato spettacolo tra le onde della Sardegna per la finale del campionato italiano junior Fisw Surfing. Il Buggerru Surf Trophy ha decretato i nuovi campioni italiani: Calatri (U18), Lazzarini (U16), Baita (U14) e Scoppa (U14).

La Sardegna come terra di onde e sport, mai come quest’anno protagonista del surf italiano. Ieri nove dicembre la gara Buggerru Surf Contest ha consacrato i nuovi campioni juniores del circuito federale Fisw Surfing. Ad alzare il tricolore sono stati Matteo Calatri tra gli under 18, Francesco Lazzarini negli under 16, Rufo Massimo Baita negli under 14 e Michele Scoppa tra gli under 12.

A fare da palcoscenico all’ultimo atto del circuito italiano juniores della federazione Fisw Surfing è stata l’antica cittadina mineraria. Buggerru è stata infatti l’ultima tappa, scelta anche per assegnare e consegnare le corone di campioni con il Buggerru Surf Trophy, evento patrocinato dal Comune di Buggerru e organizzato dalle associazioni sportive BlackWave e Buggerru Surf Club. Un campionato appassionante quello del 2019 e che ha toccato anche Levanto in Liguria, la Marinedda in Sardegna e Fregene nel Lazio.

 

Brando Giovannoni vincitore della categoria under 14

 

I surfisti che si sono radunati già da domenica erano 42, accompagnati da genitori e allenatori. Si è dovuto attendere però l’arrivo della mareggiata di maestrale, leggermente in ritardo rispetto alle previsioni, per mandare in acqua le prime batterie. I frangenti del paese situato nella costa sud-occidentale dell’Isola non hanno deluso le aspettative e sono stati spesso intorno ai due metri di altezza. A ospitare il campo gara è stata la porzione di mare accanto al porto, un’onda lunga e potente. Un evento di questa portata è stato come un tuffo nel passato: Buggerru è sempre stata una meta cult per diverse generazioni di surfisti e ha ospitato tra gli anni Novanta e primi anni del Duemila diverse finali dei campionati italiani e anche una tappa del circuito professionistico europeo nel lontano 1994.

Le giovani promesse ieri si sono date quindi battaglia vera per sette ore di gara, sotto l’occhio discreto e attento dei giudici federali. Solo nel caso della categoria under 18 i giochi erano già chiusi da tempo: il cagliaritano Matteo Calatri, classe 2002, dopo il titolo del campionato Open vinto un mese fa a Capo Mannu a Oristano, aveva già matematicamente fatto il bis. Ha in ogni caso vinto anche il Buggerru Surf Trophy, davanti all’altro cagliaritano Giulio Caruso, terzo posto a Martin Politi. Tra gli under 16 vince l’ultima gara e il titolo italiano il toscano Francesco Lazzarini. Sempre al Surf Trophy si è piazzato al secondo posto Filippo Marullo, terzo Tommaso Pavoni.

 

Matteo Calatri ha vinto la categoria under 18 portando a casa il titolo di campione italiano junior
dopo il recente titolo open ai Surf Games di Capo Mannu

 

Più difficili i giochi tra gli under 14, il cui titolo è stato assegnato praticamente dalle ultime onde. L’ha spuntata Rufo Massimo Baita, nuovo campione italiano, secondo al surf Trophy dietro Brando Giovannoni, mentre Cardinali, arrivato da Senigallia (Marche) è arrivato terzo. Michele Scoppa è invece il nuovo campione italiano under 12. Anche per lui il bis con il Buggerru Surf Trohy, seguito dal surfista originario di Pula Michele Melis, da Samuel Manfredi e dal piccolo Leonardo Casula, che con i suoi otto anni era il partecipante più piccolo. 

«È stata una bella giornata per lo sport e per la Sardegna – commenta il contest director Nicola Bresciani – l’obiettivo era far tornare Buggerru un punto di riferimento nel surf italiano e credo che insieme ai club organizzatori ci siamo riusciti. Il mare ci ha regalato belle onde e un clima ancora mite, con qualche sprazzo di sole. Vorrei esprimere un sincero ringraziamento a tutti i ragazzi e ai genitori, così come a chi ha lavorato dietro le quinte per la buona riuscita di questo evento».

 

Rufo Baita è il nuovo campione italiano under 14

 

«Per Buggerru è stata una grande opportunità dal punto di vista turistico – dichiara l’assessora allo Sport del Comune di Buggerru Simona Spada – in questa due giorni della finale del campionato italiano sono arrivate tante persone che hanno potuto visitare e apprezzare il nostro bellissimo paese. Il surf è stato il collante, uno sport che rappresenta per noi un motivo di orgoglio e un modo bello e sano per far aggregare i giovani».

Il Buggerru Surf Trophy è stato supportato da: Comune di Buggerru, Steute Italia, Hotel 904, Pizzeria Ristorante La Privilegiata, SoulWave, Casa di Chia, Gastronomia Cottu e Pappau, Buggerru Green Tourism, Buggerru Surf School, DidoBeach, Mytho, B&B Millesoli, Galleria 13 Food and Bar, Mormora Tours, Ristorante San Nicolò, Bar Fratelli Orrù, La Baia da Tore, Il Nido dell’Aquila, Bananao Beach.

 

 

 

Classifica Buggerru Surf Trophy

Under 12 / 1) Michele Scoppa; 2) Federico Melis; 3) Samuel Manfredi; 4) Leonardo Casula

Under 14 / 1) Brando Giovannoni, 2) Rufo Massimo Baita, 3) Giovanni Cardinali, 4) Tommaso Scoppa

Under 16 / 1) Francesco Lazzarini, 2) Filippo Marullo, 3) Tommaso Pavoni, 4) Jacopo Folegani

Under 18 / 1) Matteo Calatri, 2) Giulio Caruso, 3) Martin Politi, 4) Mattia Devilla

 

Campioni italiani junior Fisw Surfing 2019

Under 12 / 1) Michele Scoppa; 2) Samuel Manfredi; 3) Matteo Bertilotti

Under 14 / 1) Rufo Massimo Baita; 2) Brando Giovannoni; 3) Giovanni Cardinali

Under 16 / 1) Francesco Lazzarini; 2) Filippo Marullo; 3) Tommaso Pavoni

Under 18 / 1) Matteo Calatri; 2) Edoardo Manzo; 3) Martin Politi

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

INSTAGRAM @SURFCORNER #SURFCORNER