Articoli

How To: Power Layback Snap

E’ giunta l’ora di arricchire il proprio bagaglio di manovre con un bel Layback Snap potente.

 

Il layback è una manovra old school tornata di moda negli ultimi anni e ultimamente sempre più in voga, che combina una dimostrazione di potenza e stile, quindi alla prossima mareggiata è arrivato il momento di provare a fare qualcosa di nuovo del solito spinnone…

Il layback snap potrebbe sembrare apparentemente e relativamente facile da fare ma non lo è, occorre velocità, abilità e tecnica, oltre una buona dose di equilibrio. Analizziamo i vari passaggi per effettuare un layback grazie a questo video con Roberto D’Amico.

1.Innanzitutto occorre aver preso molta velocità sull’onda, più velocità si ha e meglio è per la corretta riuscita della manovra.

2. Il punto migliore dove provare un layback è una sezione schiumosa o l’ultima sezione di un close out. Più è morbida la sezione e più sarà facile, più è critica la sezione e più sarà difficile mantenere il controllo della tavola (come nel nostro caso con Roberto D’Amico). Per iniziare quindi meglio provare con una sezioncina schiumosa e moscia.

3. Dopo aver corso sulla parete fino ad aver ottenuto una sufficiente velocità, occorre individuare la sezione in cui esplodere la manovra e puntare direttamente lo sguardo sul punto dell’onda prescelto.

4. A breve distanza dal punto scelto occorre fare un bottom turn veloce, non quindi esageratamente tirato perché perderemmo velocità, inoltre non dobbiamo risalire la parete dell’onda in verticale ma piombare a tutta velocità sulla sezione dell’onda (se volessimo immaginare una angolazione di impatto dovremmo stare intorno ai 45°)

5. Mentre si imposta la manovra, rimanere bassi e con le gambe piegate, mentre le braccia vanno in estensione per mantenere l’equilibrio.

6. A questo punto siamo in procinto di colpire la sezione adocchiata in precedenza. La gamba dietro spinge sulla poppa il più possibile, caricando tutto il peso sulla parte posteriore della tavola, cosa che ci farà sbilanciare all’indietro e cadere sulla schiena (elemento chiave del layback).

7. Mentre la gamba dietro spinge sulla poppa e contemporaneamente comincia a distendersi, il busto ruota in senso opposto, e il braccio dietro fa da freno e da appoggio. A questo punto la poppa perde aderenza e la tavola comincia ad andare fuori controllo mentre siamo sbilanciati indietro e la schiena si appoggia alla schiuma.

8. Ora è fondamentale rimanere ben saldi sul piede davanti, la cui gamba nel frattempo si è piegata in opposizione all’estensione della gamba dietro ed la quale continua ad avere il controllo della tavola.

9. Intanto, se non abbiamo sparato la poppa troppo lontano, si dovrebbe aver recuperato la posizione col piede posteriore ed avere entrambe le ginocchia piegate, mantenendo il baricentro ribassato per massimizzare il controllo della tavola. La schiena ora è appoggiata alla schiuma.

10. A questo punto occorre richiamare tutte le proprie forze per contrastare le turbolenze della schiuma e recuperare la posizione eretta, aiutandovi con la spinta ricevuta dalla schiuma stessa.

Ecco fatto un bel layback! Buon divertimento.

Continuate a seguire Roberto D’Amico sulla sua fan page:
https://www.facebook.com/pages/Roberto-Damico/190050091016576?fref=ts

 

laybacksnap

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

INSTAGRAM @SURFCORNER #SURFCORNER