Skin ADV
Articoli | 6 giugno 2011

Dorian e Billabong Presentano Le Mute Autogonfianti da Big Wave

Shane Dorian e Billabong presentano le nuove mute da sopravvivenza autogonfiabili appositamente dedicate al big wave surfing.

Dopo aver rischiato di affogare nel 2010, Shane Dorian si è chiesto se fosse mai stato in grado di surfare ancora onde di 50 piedi e passa. Oggi sappiamo che Shane è tornato in acqua sulle onde più grosse che poteva trovare, e questo grazie anche a un rinnovato stato mentale di pace assicurato dalla sua nuova invenzione.

Shane ha lavorato insieme a Billabong Wetsuits e Mustang Survival Corporation per creare le prime mute con al loro interno un serbatoio d’aria gonfiabile istantaneo. Tirando una cordicella a strappo, il serbatoio d’aria si gonfia e porta in superficie il surfista in pochissimo tempo.

 

 

Le nuove rivoluzionarie mute sono state battezzate “Billabong V1″, dove la lettera V significa “Vertical ascent” (ascesa verticale) e il numero 1 indica l’attitudine positiva o 1 piede sopra il livello del mare.

L’incidente accadde a Dorian nel febbraio 2010 a Mavericks. “Ho preso l’onda sbagliata e ho fatto in wipeout orribile” ricorda Dorian, “sono stato sotto per due onde di fila e sono quasi affogato. Dopo quell’episodio, non avevo idea di come incorporare un serbatoio d’aria nelle mute, qualcosa di simile ai giubbotti usati sugli aerei.”

Dorian ha scritto una mail a Hub Hubbard, product manager delle mute Billabong USA, descrivendo la sua idea, e il progetto è nato.

Hubbard ha contattato la Mustang Survival Corporation, un’azienda conosciuta per realizzare sistemi di salvataggio acquatici, molti dei quali sono utilizzabili sulla superficie dell’acqua, ma la quale ha anche esperienza di serbatoi realizzati per la marina militare americana e così ha progettato il sistema per Billabong.

 

Inizialmente si pensava di posizionare il serbatoio sul petto, così il surfista sarebbe risalito a faccia in su, ma Dorian ha rilevato come una volta risalito, il surfista ha bisogno di remare sulla tavola e quindi il serbatoio è stato posizionato sulla schiena.

Una volta realizzati i serbatoi da parte di Mustang, Hubbard ha sviluppato il primo prototipo di muta insieme a Barbara Mau di Express Wetsuit. “Attualmente il design è molto semplice” ha dichiarato Hubbard, “abbiamo aggiunto uno scompartimento con cerniera sulla schiena per contenere il serbatoio, che è attaccato a un gonfiatore e a una cartuccia di anidride carbonica posizionati tra le spalle e che non si vedono nemmeno. Una corda passa dal retro fino alla parte alta del petto, basta tirarla come un paracadute e il serbatoio si gonfia.”

Dorian ha testato diversi prototipi sia in acque calme sia su onde piccole, e piano piano il miglioramento della  V1 gli ha dato sempre più confidenza per spingere i limiti su onde più grosse. “La prima volta l’ho usata a Cortes Bank quest’inverno” ricorda Dorian, ” le onde erano molto grosse e ho remato su una veramente grossa facendo un brutto wipe out, sono stato spinto molto sotto e ho pensato che era il momento giusto per provarlo. Ho tirato la corda e sono passato da una situazione di quasi panico a una di totale rilassamento. Non ho nuotato, ho lasciato solo che mi riportasse su.”

 

La dimostrazione pubblica più importante della Billabong V1 è avvenuta quest’anno il 15 marzo quando Dorian e un piccolo gruppo di big wave riders hanno surfato onde da record a Jaws. Mentre un tempo era ritenuto uno spot difficile da surfare e che necessitava dell’assistenza di un jet ski, Dorian ha preso un’onda di 57 piedi vincendo il Monster Paddle e il Monster Tube awards. Quando Dorian è stato chiuso dentro quel tubo enorme, è stato spinto molto in profondità dall’onda e lì ha usato il meccanismo della V1, tornando in superficie e recuperando la tavola per remare subito verso il canale con un pallone sulla schiena, chiaramente visibile ai numerosi fotografi presenti.

Nonostante le molte domande sul nuovo dispositivo di Dorian, al tempo nessun dettaglio era stato fornito ai media, in quanto l’invenzione era ancora in fase di registrazione del brevetto. 

Mentre Billabong non ha al momento piani per vendere la V1 sul mercato, l’azienda ha intenzione di renderla disponibile per tutti i membri dell’elite del big wave.

 

“Prima di tutto abbiamo disegnato questa muta per salvare vite” ha detto Dorian. “Ho avuto tre o quattro amici molto intimi che sono morti surfando su onde grosse. Ora che è stata realizzata ed è pronta per essere utilizzata, sono contento di darla a tutti i miei amici che sono i migliori big wave riders al mondo. Voglio che tutti tornino dalle loro famiglie ogni sera e questo mi rende felice.”

Lo staf di Billabong è orgoglioso di aver sviluppato uno dei prodotti più innovativi nella storia recente del surf.

 

 

TAG:

Commenti
Potrebbe interessarti anche...