Skin ADV
News | 7 marzo 2011 2 commenti

Salviamo Anzio: Raccolta Firme

Per Anzio si mobilita una raccolta di firme a livello nazionale, l’appello è rivolto a tutti i surfisti

Salviamo Anzio. Cosa sta accadendo.

Circa 3 settimane fa sono iniziati i lavori di preparazione del cantiere, ma ancora non si conosceva il reale progetto… tutti sapevano solo della costruzione di 5 pennelli perpendicolari alla costa e questo era quello che tutti auspicavano conoscendo bene la necessità di questo tratto di litorale di essere difesa dell’erosione del mare.

2 settimane fa la triste realtà….

Incuriositi dai lavori, abbiamo recuperato il progetto della Regione e scoperto che in realtà i pennelli saranno 15, lunghi 100 metri con una testata di 45m distanziati fra loro di 200m e collegati in testata da una barriera sommersa a 50cm sotto il livello del mare. Questa barriera sarà larga 10m e lunga 4,5km…. tutto il litorale di Anzio a ponente.

I primi 5 pennelli da Tor Caldara allo Scoglio dell’Orso saranno fatti in 220 giorni, gli altri appaltati in altri 2 stralci, ma ancora non si conosce la durata effettiva dell’intervento. E questo è lo stralcio in opera in questo momento.

Come membro di Greenoceansurfing, surfista da 28 anni, architetto, e profondo amante di queste acque ho cercato da subito di informare quante più persone possibili sulla reale entità dei lavori e da subito i ragazzi di Anzio-surf si sono dimostrati parte integrante della questione. Insieme a loro e a Andrea Bonfili (membro di GOS, ma anche rappresentante di Surf Rider Foundation Europe) abbiamo subito capito che bisognava agire in maniera efficace, attraverso il dialogo con l’amministrazione e le associazioni del territorio; perché il vero problema, tuttora attuale, è che pochi hanno chiaro il progetto nella sua interezza. Molti credono che la barriera verrà tolta, ma non sarà così. Rimarrà un segno unico del mare per 4,5km sommerso di soli 50cm, quasi a pelo d’acqua…. Invalicabili con qualunque mezzo, inclusi i pattini e i mezzi di sicurezza, né tantomeno a nuoto.

Subito abbiamo avuto un incontro con i rappresentanti del SIB, Sindacato Italiano Balneari, con cui abbiamo concordato sulla assoluta necessità di rivedere il progetto eliminando la presenza della barriera soffolta. Con loro e con altre associazioni che aderiscono alla causa stiamo attualmente cercando di aprire un tavolo di trattativa con l’amministrazione comunale, la Regione e il redattore del progetto, che pare si sia dimostrato aperto al dialogo.

In questo momento, che si può definire delicato, nessuno, si deve sentire protagonista. Per l’inizio della prossima settimana avremo la conferma di un incontro con chi potrà veramente fare qualcosa.

Abbiamo ragione da vendere, ragazzi! E questo è chiaro e fuori di ogni dubbio! Ma vi prego non passiamo ora dalla parte del torto e cerchiamo di unirci, perché è l’unico modo di vincere. Per questo motivo vi chiediamo intanto di stampare (per quanto poco ecologico possa essere….)  il modulo di raccolta firme che troverete su tutti i siti che supportano la causa (Anzio-Surf, SurfCulture, Surf Corner)  e di far aderire quante più persone possibile. Intanto è bene sapere quanti siamo e avere un’altra freccia al nostro arco.

Rimanete comunque in contatto fra di voi e con noi per sapere come andrà questo tanto atteso incontro, ma rimanete pronti a incontrarci tutti se non dovessimo trovare il dialogo sperato.

GreenOceanSurfing_bruno

 

Scarica il modulo al link sottostante e invialo compilato all’indirizzo:

Andrea Bonfili
via delle ninfe 21
00042 Anzio Roma

Clicca qui per scaricare il modulo da stampare e compilare con le firme

 

TAG:

Commenti

2 Commenti a Salviamo Anzio: Raccolta Firme

  1. grazie ragazzi del vostro lavoro salviamo anzio
    anche se nn vi conosco vi saro’ grato se riusciremo a salvare il nostro litorale, per me e’ di vitale importanza oltre che un surfista sono l’unico pescatore di telline che c’e’ ad anzio,negli anni passati c’erano molti pescatori di telline ad anzio adesso sono rimasto l’ultimo dei moicani…..in questo periodo di crisi perdere il proprio lavoro penso sia devastante,forza Bonfo fatevi sentire spero di dare il mio contributo alla causa pura vida

  2. stampato e condiviso su facebook. Spero che interesse anche a chi non pratica lo sport.

Potrebbe interessarti anche...