Skin ADV
Articoli | 11 novembre 2010

Big Wave World Tour
Il Futuro di Slater?

Quale sarà il futuro di Slater ora che ha vinto l’invincibile? Azzardiamo qualche ipotesi…

 

Finora il Big Wave è stato un hobby per Slater, ma potrebbe diventare la sua nuova carriera.

Kelly a Waimea durante l’Eddie Aikau. Foto Courtesy Quiksilver

 

 

Adesso che Kelly ha vinto uno storico e senza precedenti decimo titolo mondiale cosa farà? 

Credete che a 38 anni e con tutta l’energia che ha dimostrato di avere se ne andrà tranquillamente in pensione?

 

Queste e altre domande si rincorrono tra gli addetti del settore in questi giorni, dopo la celebrazione del titolo di Slater a Puerto Rico.

 

A parte il golf, dove Slater ha già un buon handicapp e dove velatamente ha fatto sapere di aver preso in considerazione l’ipotesi di entrare nel tour professionistico, secondo voci di corridoio insistenti Re Kelly starebbe considerando un suo coinvolgimento nel Big Wave World Tour, che quest’anno ha preso il via con un campionato ben strutturato e solido. 

 

Ora che Kelly non ha davvero più nulla da dimostrare nel WCT sembrerebbe quindi che voglia dimostrare di essere il più forte anche su 50 piedi d’onda.

 

Ipotesi campate per aria? Può darsi, ma a quanto pare  è più di una semplice ipotesi. Intanto infatti è notizia dell’ultimo minuto che Kelly sarà tra i 24 competitors del prossimo Maverick’s Big Wave Contest in programma dal 29 novembre in poi, la quarta tappa del Big Wave World Tour, un’ottima occasione per cominciare a prendere confidenza con questo circuito…

 

Ce ne parla Vittorio Sommella, in occasione del report della terza tappa del Big Wave World Tour appena disputata in Oregon.

 

Nelscott Reef. Foto Bella Hunt

 

 

 

Kohl Christensen vince Nelscott Reef Big Wave Classic 2010: l’hawaiano sorprende e vince la terza tappa del Big Wave World Tour.

 

Lincoln City, Oregon

Ora la gente mormora che K. Slater sia pronto, dopo il suo leggendario decimo titolo mondiale, ad entrare nel Big Wave World Tour e dimostrare che, anche su 50 piedi d’onda puo essere il piú forte!

Aspettando Kelly, gli attuali protagonisti del BWWT non sono da meno e dimostrano, gara dopo gara, che il big wave surfing ha davvero raggiunto livelli straordinari.

 

La terza tappa del BWWT 2010/2011 e’ una piacevole sorpresa: nessuno si sarebbe aspettato che alla sua prima apparizione, il contest arrivasse a regalare onde di oltre 40 piedi ed una organizzazione di primo livello.

 

Kohl Christensen. Foto Bella Hunt

 

Dopo i dubbi e le incertezze delle prime ore del mattino, date dalla poca visibilitá e da un shore-breake di quasi 15 piedi che rendevano impossibile l’accesso dei riders al reef, John Forse (Contest Director) e Gary Linden (Tour Director) si sono presi la responsabilitá di dare il “via libera alle danze”, ancora una volta dimostrando intuizione ed esperienza.

 

Infatti, poco dopo il semaforo verde, un inaspettato sole primaverile ed un consistente vento offshore hanno contribuito a regalare ai surfisti, spettatori e media, le condizioni perfette per il contest con le onde piu alte mai surfate durante una competizione a Lincoln City.

 

 

 

Rusty Long, assoluto protagonista della competizione dichiara: “Ho surfato davvero tanto. Le condizioni sono state spettacolari tutto il giorno. Le onde rompevano una dopo l’altra sul reef…e’ stato semplicemente un grande giorno di surf!”


 

Durante la prima fase sono Chris Bertish, Marcos Monteiro, Dave Wassel e Kohl Christensen a dettare legge, classificandosi primi nelle rispettive batterie.

Le due semifinali sono big wave surfing allo stato puro, con onde di oltre 40 piedi ed indiscussi campioni che, un drop dopo l’altro, regalano performances straordinarie.

 

L’intramontabile Peter Mel ricorda a tutti che e’ ancora l’unico a poter far registrare dai giudici un perfect 10 e approda cosi alla finale. Lo seguono l’attuale leader del BWWT Jamie Sterling insieme con Rusty Long, Keali Mamala, Chris Bertish e la sorpresa Kohl Christensen.

 

Kohl Christensen sul “gradino” più alto del podio. Foto Vittorio Sommella

 

 

La spunta quest’ ultimo il quale, dopo una lotta all’ultima onda con il sudafricano Chris Bertish e l’amico Jamie Sterling, riesce infine a strappare il punteggio piu alto, vincendo la sesta edizione del Nelscott Reef Big Wave Classic e riservandosi così un meritato posto tra i top 12 del BWWT.

 

Ora, sempre nell’attesa di Kelly, si incomincia a lavorare per Mavericks e Todos Santos,  ultime due tappe del Big Wave World Tour 2010/2011

 

Tutte le foto di questa tappa nella foto gallery.

 

 

Vittorio Sommella

Logistic Manager Big Wave World Tour 

www.bigwaveworldtour.com 

Foto Vittorio Sommella e Bella Hunt

TAG:

Commenti
Potrebbe interessarti anche...