Skin ADV
News | 20 luglio 2010

Rip curl goes green con ripcurlplanet.com

“Impegni globali per la protezione della natura e importanti collaborazioni con: WWF, Surfrider Foundation e Mountain Riders. Oltre 240.000 euro donati per il sostentamento dei progetti.” NUOVO SITO RIPCURLPLANET.COM È
 online
 il
 nuovo
 portale
 “www.ripcurlplanet.com”,
 un
 archivio
 chiaro
 dove
 trovare
 le
 informazioni
 relative
 alle
 attività
 promosse
 dal
 brand
 australiano
 per
 la
 tutela
 del
 nostro
 pianeta.
 
 Rip
 Curl
 è
 una
 del
 surf‐company
 più
 eco‐friendly
 al
 mondo
 in
 termini
 di
 innovazioni
 ambientali.
 Dal
1969,
 anno 
di
 fondazione,
 Rip
 Curl 
 è 
attivamente
impegnata
 nella 
tutela 
del 
pianeta.
 “Siamo
 molto
 contenti
 di
 annunciare
 il
 lancio
 del
 sito,
 era
 da
 tempo
 che
 ci
 stavamo
 lavorando”
 afferma
 il
 Global
 Marketing
 &
 Advertising
 Chairman
 Neil
 Ridgway.
 
 “Rip
 Curl
 ha
 sempre
 dato
 particolare
 rilievo
 al
 tema
 dell’ecosostenibilità
 e
 siamo
 molto
 orgogliosi
 di
 avere
 finalmente
 un
 mezzo
 a
nostra
 disposizione
 per
condividere
 con 
il
 nostro 
pubblico
 gli 
impegni 
in 
cui 
crediamo”.
 “Save
 Our
 Surf”
 e
 “We
 Surf,
 We
 Care“
 sintetizzano
 l’impegno
 in
 difesa
 dell’ambiente.
 Rip
 Curl
 supporta
 diversi
 programmi
 di
 protezione
 marina
 e
 controllo
 di
 qualità
 delle
 acque,
 collaborando
con
organizzazioni
quali
internazionali:
WWF
e
The
Surfrider
Foundation.
 
 “Come
 surfisti
 siamo
 noi
 i
 primi
 a
 sentire
 gli
 effetti
 dell’inquinamento,
 vediamo
 i
 danni
 causati
 alle vediamo
 i
 danni
 causati
 alle 
nostre
 coste 
 e 
gli 
effetti 
negativi 
di 
consumi
 poco
 responsabili 
effettuati 
senza 
riguardo 
per 
il
 futuro.”
Afferma 
Mick 
Fanning
‐
 pluricampione 
mondiale 
dell’ASP 
World. 
”Spero
 che 
anche 
i
miei
 figli
 posssano
 surfare
 e
 godere
 del
 mare
 come
 ho
 fatto
 io,
 senza
 che
 paghino
 gli
 effetti
 dell’inquinamento 
e 
del 
riscaldamento 
globale.”
 
 Tra
 le
 iniziative
 della
 “The
 Rip
 Curl
 Planet
 Foundation”
 si
 contano
 la
 riduzione
 dei
 consumi
 energetici,
 il
 riciclo
 dei
 materiali
 e
 la
 riduzione
 degli
 scarti
 di
 produzione.
 Queste
 attività
 sono
 indirizzate
 a
 tutto
 quanto
 ruota
 intorno
 a
 Rip
 Curl,
 inclusi
 gli
 eventi
 come
 i
 Rip
 Curl
 Pro
 e
 le
 giornate 
dedicate 
alla
pulizia
 delle 
spiagge.

 
 Ad
 oggi,
 la
 Fondazione
 ha
 donato
 oltre
 240.000
 euro
 a
 diversi
 gruppi
 operanti
 nel
 settore
 della
 tutela
ambientale:
 Surfrider
 Foundation, 
Mountain
Riders
e 
WWF.
 
 Dal
2008,
 Rip
Curl 
collabora 
anche 
con 
CO2 
Australia 
per
 limitare 
le 
emissioni 
di 
gas 
prodotti
 nel
 corso 
dell’evento 
Rip
Curl
Pro,
 trasformandolo 
così 
in 
un
 momento 
 a 
impatto 
zero.
 Nel 
2010 
Rip
 Curl 
ha
collaborato 
anche 
con 
Waste 
Wise 
per 
riciclare 
oltre
 nove 
tonnellate 
di 
rifiuti 
e 
donando
 50
 centesimi
 per
 ogni
 biglietto
 venduto
 a
 favore
 di
 Greening
 Australia,
 che
 investe
 nella
 tutela
 della 
flora 
locale.

 Un’altra 
iniziativa
 di
 rilievo 
è 
il 
programma
 Rip
Curl
 Planet 
Days. 
Promosso
 dai
 quartieri 
generali
 d’Australia, 
Europa, 
Brasile, 
Indonesia 
e 
USA, 
lo 
staff 
lascia 
gli
 uffici 
per
 una
 giornata 
e 
si 
reca 
al
 mare
 o
 in
 montagna
 per
 eliminare
 i
 rifiuti
 e
 piantare
 alberi.
 Nella
 sola
 Torquay,
 dove
 l’attività
 continua
 da 
10
anni, 
sono 
state 
seminate
 oltre 
50.000 
piante.
 Grazie
 alla
 creazione
 del
 Rip
 Curl
 Planet
 Foundation,
 nel
 2008
 il
 team
 Rip
 Curl,
 fondato
 dai
 migliori
 surfisti
 in
 veste
 di
 ambasciatori,
 ha
 avuto
 l’opportunità
 di
 occuparsi
 di
 vari
 progetti
 ottenendo
 ottimi
 risultati. 

 “Guardiamo
 con
 soddisfazione
 i
 traguardi
 ottenuti
 in
 passato,
 ma
 c’è
 ancora
 molto
 da
 fare”
 spiega
 Olivier
 Cantet
 International
 CEO.
 “Siamo
 fortemente
 determinati
 a
 operare
 nel
 rispetto
 dell’ambiente
 in
 tutto
 quello
 che
 facciamo
 e
 per
 farlo
 al
 meglio,
 dobbiamo
 agire
 in
 tutte
 le
 direzioni. 
Ci 
focalizzeremo
 nei
 campi
 che
 meglio 
conosciamo
 – 
il 
surf
 e 
la 
montagna
– 
per
 essere
 ecosostenibili
 in 
ogni 
step:
 dal
 design
 alla 
produzione
 dei 
prodotti”.
 
 
 Visita
 il
 sito: www.ripcurlplanet.com

TAG:

Commenti
Potrebbe interessarti anche...