Skin ADV
News | 25 giugno 2010

Al via la traversata dell’adriatico in sup

La squadra ALOHA SUP TEAM è stata ufficialmente presentata ieri in vista della partenza da Rovigno in una cornice di interesse e curiosità per l’iniziativa sportiva ma anche di rinnovato interesse per gli scambi culturali di tradizione e pensiero che ambedue le sponde delle nostre rive Adriatiche riescono ad esprimere. 

L’atleta di Igea Marina Mirco Sarti alla fine non parteciperà alla traversata reduce da una cura a base di antibiotici che lo ha tenuto fuori dall’acqua. La conferenza stampa tenuta da Bucchi Piero dopo il tradizionale scambio di doni agli amici croati comprendenti libri sulle più belle realtà storico architettoniche, naturalistiche del territorio ravennate e prodotti enogastronomici tipici con promozione dei produttori atteso a manifestare quanto sia attuale e moderno il pensiero storico della grande regione adriatica ispirata da Nicolò Tommaseo e quanto al di là delle facili filosofie le genti di questo mare si accomunino sulle tipicità e le tradizioni marinaresche ed oggi per l’interesse turistico sportive proprio ripercorrendo le pagine dei libri portati in dono agli amici di Rovigno ospitanti che abbiamo ritrovato lo spirito di quelle imprese agonistiche caratterizzanti vicende che hanno accomunato nel 900′ ed hanno accomuna le località della Riviera Romagnola a quella Istriana nelle vicende sportive che prevedevano l’attraversata a nuoto, sci nautico e con motoscafi veloci del Mare Adriatico.

L’interesse per l’attività turistica, l’una svolta sulla roccia e l’altra quasi esclusivamente sulla sabbia, rappresentano già di per sè due elementi di caratterizzazione che tendono ad invogliare il turista sull’una e sull’altra riva a visitare contemporaneamente nello stesso periodo di vacanza le località italiane della Riviera Romagnola a quella Istriana e Dalmazia.Ci accomunano ancora la conoscenza della lingua parlata in uno stile che come i mosaici, le barche tipiche e le tecniche di pesca ricordano appunto la comunità marinaresca dei nostri popoli.

La presentazione degli atletidel ALOHA SUP TEAM ha poi incentrato la curiosità delle domande poste dai padroni di casa, giornalisti, operatori e sportivi sulla nuova disciplina che si sta affacciando in maniera popolare per la buona formazione fisica e particolarmente fra i giovani che intendono svolgere in maniera più o meno organizzata, ma anche individualmente tale sport. Gli atleti Alberto Belloni, Marco Margotti e Mattia Cacciari hanno nel frattempo ricevuto nel viaggio di trasferta propro a bordo del r/re GLADIATOR i complimenti via telefono del Gruppo Naish – Hawaii per l’iniziativa e sono stati oggetto di ammirazione da parte dei locali surfisti croati per l’esibizione di ritmo e tenuta della voga durante la percorrenza del tratto di mare in uscita dalla rada di Rovigno.

Tutto la staff esprime il proprio ringraziamento per l’attenzione prestata all’evento da parte dei media, della stampa ed agenzie locali ed internazionali che si sono impegnati nel far conoscere l’impresa legata al SUP ed ai suoi praticanti che, si ritroveranno numerosi a Venezia per un avvenimento di respiro mondiale Domenica 27 Giugno in quella favolosa cornice rappresentata dalla città lagunare, luogo incomparabile per qualsiasi evneto. Il team ed il suo staff già manifestano la volontà di creare un appuntamento che diventi una “classica” proprio a Ravenna all’interno del suo Porto che veda la possibilità di recarsi dal mare alla darsena di città con una gara – manifestazione sportiva tesa ad accomunare l’interesse agonistico con la cultura e gli apsetti tradizionali che la città di Ravenna sa esprimere.

Oltre a questo si pensa visto l’impatto zero della disciplina SUP sull’ambiente di creare appuntamenti e ritrovi ai limiti delle zone naturalistiche ravennati di maggior pregio proprio partendo dai nostri lidi con un segmento che sa coniugare sport, tempo libero, conoscenza e valorizzazione del territorio. Questa disciplina può esaudire, essendo inglobabile agli sport acquatici del surfismo, quella richiesta di destagionalizzazione sportiva, che nei mesi in cui l’attività sulle spiagge, più a carattere autunnale ed invernale, conferisce un aspetto d’ interesse per il ritrovo ed incontro dei giovani attorno ad una sana e completa disciplina sportiva.

Proprio le località rivierasche ravennati che guardano alla stagione balneare con preoccupazione e al tempo stesso tendono ad innovare la caratterizzazione del turismo sulle spiagge, sono nell’esempio dei lidi nord Marina Romea-Porto Corsini-Casal Borsetti alla ricerca di nuovi punti di catalizzatori d’ interesse turistico: gioco forza che proprio a seguito delle “passioni sportive” di quanti, pur provenienti dal nostro entroterra, hanno nel tempo fondato club, circoli ed associazioni sportive legate al surfismo ed alla vela, hanno insediato sulle nostre spiagge le sedi ed ritrovi che fungono da base per l’agonismo.

Gli esempi che ritroviamo, a misura di tale agonismo sono, Adriatico Wind Club di Porto Corsini, l’area che il piano dell’arenile ha riservato ai praticanti del Kitesurf in quella parte di arenile caratterizzato dalla bellezza naturale della duna costiera di Porto Corsini connubio quasi unico e di realtà che esprimono e l’Aloha Beach 32 di Marina Romea che si trova ad essere è uno dei manifestanti la volontà di accomunare negli eventi, quale il 360° ALOHA WATER GAMES che si terranno a fine Luglio inizio Agosto sport, un mix di divertimento e qualità del servizio turistico offerto. Gli atleti alla partenza hanno salutato Rovigno con un “Arrivederci a Marina Romea” Fonte: ravennanotizie.it

TAG:

Commenti
Potrebbe interessarti anche...