News | 3 dicembre 2009

Andy irons torna sulla line up per il billabong pipeline masters

Mancano pochi giorni all’inizio del Billabong Pipeline Masters, ultima tappa del tour ASP, Campionato del Mondo maschile.

DOVE: North Shore’s Oahu, Hawaii.

QUANDO: 8-20 Dicembre, 2009,

COSA C’E’ DI SPECIALE:
- L’evento assegnerà il titolo mondiale 2009, per la categoria maschile.
- Il più esaltante spot surf sulla Terra.
- L’onda più fotografata.
- La più longeva manifestazione di surf professionale sul pianeta (dal 1971)
- Un montepremi da 340.000 $.

Di anno in anno il Billabong Pipe Masters, punta di diamante del Vans Triple Crown of Surfing, continua a rappresentare l’evento surfistico più atteso al mondo.
Celebrando quest’anno i suoi 39 anni, il contest più atteso e longevo di surf professionale, torna nel famigerato North Shore Banzai il Pipeline, per un altro anno di imprese memorabili e gesta spericolate.
Dopo le tappe del Sud Africa, di Tahiti e della Spagna, il Billabong Pipeline Masters conclude un un’intero anno di eventi sponsorizzati da Billabong ASP World Tour men’s events, con l’incoronazione Campione del Mondo 2009 e del Triple Crown Champion 2009.

“Arrivare alle Hawaii e sfidare te stesso sulla North Shore è il sogno di ogni surfista, e il Pipe Masters è il centro di tutto ” Dichiara Joel Parkinson vincitore della Triple Crown 2008.
“Quando ero un bambino non avrei mai immaginato di poter diventare un Triple Crown Champio, è quasi come vincere un titolo mondiale; raggiungere un simile traguardo significa moltissimo. E’ il fiore all’occhiello nella carriera di ogni surfista. E’ il massimo traguardo a cui ambire.”

Non sono solo i 340.000 $ di montepremi in palio e punti per la classifica validi per l’ASP World Tour a rendere prestigioso il Billabong Piperline Master, poiché vincere questa competizione rappresenta indiscutibilmente uno dei risultati più prestigiosi nel mondo del surf agonistico.
“Vincere il Pipeline non ha paragone; dice tutto su chi sei come surfista”, afferma l’ex Pipeline Master Jamie O’Brien.

Da dieci anni ormai Billabong sceglie le Hawaii e il North Shore come scenari per le competizioni. Negli anni ’80, agli esordi del pro tour, l’allora emergente Billabong ha lanciato il Billabong Pro divenuto subito un punto di riferimento tra le competizioni.
Il montepremi è aumentato a livelli mai raggiunti in passato, e la competizione si è spostata nel tempo da Sunset a Waimea Bay, fino a diventare il più grande evento surfistico mai organizzato nell’ambito.
Quest’anno il Billabong Pipeline Masters è decisivo per la corsa al titolo mondiale che vede sfidarsi Mick Fanning e il Billabong’s Joel Parkinson.
Impossibile perdersi questo duello che passerà alla storia!

Guarda il web cast su billabongpro.com

http://billabongpro.com

Qualcosa su Joel Parkinson ….. e la corsa al titolo mondiale:
Joel è posizionato al secondo posto della classifica, a soli 368 punti dal suo amico Mick Fanning.
Tra i due surfers, sono questi i possibili scenari per il World Title:

* Se Mick Fanning arriva 33.mo o 9°, Joel Parkinson dovrà raggiungere il 3° posto o più per vincere il titolo mondiale;

* Se Mick arriva 5°, Joel avrà bisogno del 2°o meglio;

* Se Mick arriva 3°, Joel dovrà vincere il Billabong Pipeline Masters;

* Se Mick arriva 2°, sarà lui a vincere l’ASP World Title anche se Joel arrivasse primo.

Joel dichiara «Conosciamo entrambi il valore di una sana competizione e a fine giornata sarò il primo a congratularmi con lui o lui sarà il primo a congratularsi con me, comunque vadano le cose.»
«…Si parla molto del World Title ma per me non è così fondamentale…
«… L’anno prossimo sarò preparato e in gran forma e tutto ciò che accadrà quest’anno – vincere, perdere, o pareggiare- Sarò altrettanto affamato di vittoria il prossimo anno. Non è l’ultimo anno per poter vincere il titolo…»

… e il suo infortunio alla caviglia:
Joel ha confermato: « Nelle ultime settimane la mia condizione fisica è molto migliorata. Mi sento veramente meglio. Ho superato la fase dell’infortunio, ho recuperato flessibilità e ciò mi consente di fare molto di più…
Al mio rientro dalle Hawaii farò un’altra risonanza magnetica per vedere se tutto è tornato al 100%. Dovrò fare un test per capire se dovrò operarmi oppure no».

… e la sua preparazione / quiver :
Un Parko in gran forma, una piccola magica tavola rossa (5’8»x19’1/4»x2’1/4») oltre ad altre 22 tavole!

Guarda il video di Joel e della sua Magic Board:

Qualcosa su Andy Irons e il suo ritorno al Masters Billabong Pipe.
Sì è vero, il 3 volte campione del mondo e 4 volte campione del Triple Crown tornerà a competere al Billabong Pipeline Masters.

Joel commenta il ritorno di Andy:
« È di buon umore, è impaziente per la stagione. Sta surfando benissimo. Ha preso un paio di onde incredibili al Backdoor l’latro giorno. E’ in forma e in buona salute e pronto a sfidare un po’ di gente al Pipe Master..

TAG:

Commenti
Potrebbe interessarti anche...