News

Alga tossica nell’anconetano: allarme (forse) rientrato

Surfcorner.it – E’ rimasto fino a ieri il divieto di balneazione nel tratto di mare tra il Passetto e Portonovo nell’Anconetano a causa dell’alga tossica monitorata dall’Arpam ormai da una decina di giorni, dopo alcuni casi di intossicazione riscontrati all’inizio della settimana scorsa.

L’Ostreopsis Ovata, questo il termine tecnico, è stata rilevata nelle acqua antistanti Ancona e per questo motivo L’ Arpam (Agenzia regionale per la protezione ambientale delle Marche) ha chiesto ai sindaci di vietare la balneazione lungo il litorale anconetano interessato dall’alga tossica.

Dai rilievi efettuati sono risultati positivi il mare di Portonovo, del Passetto e in particolar modo Numana dove è stata trovata una concentrazione pari a 500 mila cellule/litro con una soglia di allarme posta a 10mila.

L’ ostreopsis ovata è una microalga che appartiene alla Famiglia delle Ostreopsidaceae la cui fioritura può causare un’intossicazione i cui sintomi indirizzano verso un meccanismo irritativo aspecifico sulle mucose respiratorie e congiuntivali, con conseguente irritazione congiuntivale, Raffreddore, difficoltà respiratorie (tosse, respiro sibilante, broncospasmo con moderata dispnea) e febbre.

La presenza dell’alga tossica non è una novità per il litorale marchigiano, l’ultimo rinvenimento avvenne alla fine di agosto 2007.

Speranze per risolvere il problema vengono dal variare delle condizioni meteo. In tutte le Marche sono previsti, nelle prossime ore, temporali e venti da nord est con raffiche fino a 60 km orari.
Il mare sarà molto mosso, e ciò fa sperare che le alghe vengano distrutte o disperse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
30 − 11 =


INSTAGRAM @SURFCORNER #SURFCORNER